pag04 controllo-fiscoModifiche al regolamento del nuovo regime economico e fiscale (REF) delle Isole Canarie, entrato in vigore lo scorso gennaio con l’approvazione della Commissione europea per il periodo 2015-2020.

Tra le altre cose, il nuovo regolamento chiarisce come materializzare la Reserva de Inversiones Canaria (RIC) e dettaglia le modalità di controllo degli aiuti concessi. Secondo il governo, questi aspetti miglioreranno la certezza giuridica del nuovo REF canario che include forti incentivi fiscali finalizzati alla creazione di occupazione e alla diversificazione produttiva della struttura economica della Comunità Autonoma.

Le modifiche legislative introdotte nel nuovo REF erano necessarie per modificare alcune disposizioni del regolamento in vigore sugli incentivi fiscali in materia di imposizione indiretta, la Reserva para Inversiones en Canarias (RIC) e la Zona Speciale Canaria (ZEC).

In primo luogo, il nuovo regolamento chiarisce come materializzare la riserva per gli investimenti. Diversi articoli sono stati modificati per adeguarsi alla nuova regolamentazione giuridica: per esempio, la voce che parla degli investimenti specifici che contribuiscono al miglioramento e la tutela dell’ambiente.

Fra questi ultimi investimenti ci sono quelli realizzati in impianti e attrezzature per l’uso, per l’autoconsumo, di fonti di energie rinnovabili per la conversione in energia elettrica. D’altra parte, il nuovo regolamento precisa il contenuto della domanda che dovranno presentare le entità finanziarie che emettono strumenti finanziari collegati alla RIC. Ci sono poi modifiche tecniche e procedurali in materia di regolamentazione della ZEC; tra cui la richiesta di autorizzazione preventiva che il Consiglio direttivo deve concedere per operare in questo regime. Vengono anche incorporate le regole per il controllo e il monitoraggio degli aiuti di Stato inclusi nel REF, per mandato da parte dell’Unione europea, compresa la necessità della corrispondente ripartizione delle stesse. Per quanto riguarda il massimale, l’importo della detrazione per gli investimenti in territori dell’Africa occidentale può arrivare fino ai 7,5 milioni di euro per impresa, secondo la Commissione europea.

Nuovo REF


Nel nuovo REF, entrato in vigore nel gennaio 2015, sono incentivati gli investimenti in imprese ZEC perché i loro partner possono applicare pienamente la deduzione per la doppia imposizione. Questo incentivo fiscale è migliorato anche al fine di creare posti di lavoro, in quanto consente alle imprese di agire senza restrizioni in tutto l’arcipelago, è aumentato il numero di attività che possono essere sviluppate e si aumentano i termini in cui si può sfruttare l’aliquota ridotta del 4%, legandoli direttamente alla creazione di occupazione.

D’altra parte, la Reserva para Inversiones en Canarias (RIC) è un incentivo fiscale per gli investimenti nelle isole a entità soggette all’imposta sul reddito delle società che abbiano stabilimenti nelle Canarie, i contribuenti IRPF con redditi da attività economiche nell’arcipelago o persone fisiche in territorio spagnolo che operino nelle isole Canarie attraverso una stabile organizzazione.