Anche Globalia sulla via di Orizonia

Gli albergatori delle Canarie non accettano le prenotazioni di Globalia, a meno di ricevere il pagamento anticipato.

Il fallimento di Orizonia, che ha lasciato un buco di 10 milioni di euro nelle Isole Canarie, ha messo in rilievo la situazione degli albergatori nelle isole, che sopportano il ritardo dei pagamenti da parte delle Compagnie del settore turistico.

Gli albergatori isolani hanno sofferto per mesi per i ritardati o mancati pagamenti del Gruppo Globalia, che ha come affiliati Travelplan, Air Europa e le agenzie di viaggio Falcon.

Questa situazione ha portato gli imprenditori a rifiutare a Globalia le vendite dei “pacchetti vacanze”, salvo con il pagamento anticipato sulle prenotazioni. Alcuni albergatori avevano già preso questa decisione da mesi, mentre altri si sono mossi a seguito del fallimento di Orizonia.

Secondo fonti nell’ambito turistico, il Gruppo Globalia ha accumulato fatture non pagate per un totale di 60 milioni di euro nelle Canarie, sei volte più di Orizonia. Le tre principali compagnie di navigazione che operano con Globalia nell’ambito delle crociere hanno deciso anche loro di imporre il pagamento anticipato come unica chance di evitare una situazione analoga a quella sperimentata con Orizonia.