Su questo blog più volte ho affrontato il tema delle truffe perpetrate a danno degli italiani che decidono di cercare fortuna all’estero, e nello specifico, alle Canarie, meta tra le più ambite.

Truffe che spaziano dall’antipatica pratica di affittare all’expat di turno case a prezzi maggiorati rispetto agli standard di mercato, facendo leva sulla sua ignoranza circa il mercato immobiliare locale, fino a vere e proprie truffe, false compravendite di case o locali e quant’altro, con danni che variano dalle poche centinaia di euro alle molte migliaia, a seconda dei casi.

Un terreno fertile per i truffatori sono certamente i gruppi Facebook, dove molte persone cercano informazioni dai connazionali che vivono sul posto.

I truffatori, ma anche i “falsi amici” che cercano di indirizzare le persone laddove percepiscono provvigioni (facendo lievitare fortemente le tariffe) si infiltrano in tutti i gruppi che possono, cercando di adescare “clienti”, rispondendo alle domande, talvolta mediante messaggi “privati”, per dare meno nell’occhio, cercando di conquistare la fiducia del malcapitato, per poi “aiutarlo” nel disbrigo delle varie pratiche, nella ricerca di una casa, etc.

Questo fenomeno non riguarda solo Tenerife e le Canarie, ma un po’ tutte le mete ambite dagli italiani che intendono cercare fortuna all’estero. Pertanto le indicazioni fornite, pur riguardando la realtà canaria, sono di interesse anche per chi desidera espatriare altrove.

Negli ultimi mesi, di pari passo con l’aumento della richiesta di informazioni su Tenerife, sono spuntati come funghi nuovi “gruppi Facebook”, che si propongono di dare informazioni e consigli. Molti di questi sono riconducibili a persone che collaborano o possiedono varie “agenzie”, pertanto i loro consigli non sono quelli di un “connazionale che vive all’estero”, ma quelli, nel migliore dei casi, di qualcuno che vuole “vendere” qualcosa…


Molti gruppi inoltre, sono amministrati dalle stesse persone: perché creare numerosi gruppi sullo stesso tema, e non solo uno? Creare numerosi gruppi, con denominazioni differenti, aumenta le possibilità di apparire nei risultati delle ricerche su Facebook, e aumenta la possibilità che le “prede” cadano nella rete.

Un altro problema di questi gruppi, è che sono mal gestiti. I gestori spesso amministrano numerosi gruppi, e non riescono a seguirli tutti, inoltre sono interessati solo a fare business, e non moderano i messaggi sulla pagina, dove si annidano facilmente truffatori o spammer. Spesso in questi gruppi vengono offerti servizi – dal noleggio di auto, fino agli affitti, servizio taxi etc – da persone non in possesso di regolari licenze, cosa che oltre a contravvenire le leggi, espone a rischi gli sventurati e inconsapevoli “clienti”. L’assenza di controlli, filtri e l’anarchia imperante, è terreno fertile anche per i truffatori che vogliono infiltrarsi.

A questo proposito, visto che in molti mi chiedono dove possono reperire informazioni, mi sento di segnalare i seguenti gruppi Facebook:

Italiani a Tenerife che ad oggi ha 16.474 membri

ITALIANI NELLE CANARIE 18.593 iscritti

Questi due gruppi, che tra l’altro sono i più popolati, esistono da molto tempo, sono ben amministrati e si sono dimostrati affidabili. Tra gli admin di entrambi c’è Binella, al secolo Bina Bianchini, la titolare di Leggo Tenerife, giornale mensile in italiano dell‘Isola di Tenerife, e vero e proprio punto di riferimento per la comunità italiana residente a Tenerife.

Questi gruppi sono ben gestiti e controllati dall’occhio vigile di Bina e degli altri admin, che ormai riconoscono i truffatori al limite della premonizione. Per prevenire truffe, il gruppo “Italiani a Tenerife” e “ITALIANI NELLE CANARIE” si sono dotati di un regolamento, che impedisce di pubblicizzare annunci non regolari e non verificabili. Una bella garanzia.

Personalmente, consiglio chi cerca informazioni su Tenerife e sulle Canarie di iscriversi ai gruppi sopracitati.

Fate attenzione a quei connazionali che non sembrano aspettare altro che Voi per offrirvi aiuto, in modo entusiasta, comportandosi “da amici”… poiché in molti casi la presunta amicizia durerà giusto il tempo di spillarvi dei soldi, e sarete ben presto scaricati dopo esser stati “munti”, mentre il “grande amico” si dedicherà ai “nuovi amici” di turno…

(Diario di Tenerife by Alessandro Raffa)