Ma quanto vale la tua casa?

euro casa - euro housedi Mauro Gargaglione

Contributor Riecho Economia e Libertà

Una delle domande più insidiose che si può fare è: quanto vale la tua casa?

La maggior parte delle persone per saperlo si rivolge ad un’agenzia immobiliare. Il funzionario gli farà una valutazione usando dei parametri comprensibilissimi e ragionevoli. Quanti anni ha la costruzione, quanti metri quadrati, quanto dista dalla fermata dell’autobus o della metropolitana, si può far la spesa senza prendere l’auto perché abbiamo molti negozi sotto casa, c’è il garage oppure un posto auto riservato, un giardinetto condominiale, le finiture sono di pregio, c’è l’impianto di climatizzazione, etc. Dopo aver frullato tutte queste informazioni ti risponderà: 280.000 euro.

E’ questo il valore della tua casa? Ne siamo sicuri? No, non ne siamo affatto sicuri.

Questo è il prezzo. Tre anni fa sarebbe stato magari 340.000 euro e fra tre anni? Non ho chiesto qual è il prezzo della tua casa, ho chiesto il valore. E’ una cosa profondamente diversa ed è sorprendente scoprire che la stragrande maggioranza delle persone non sa distinguere tra valore e prezzo.


Che differenza c’è e, soprattutto, come si fa a calcolare il valore di una cosa? Il prezzo si capisce molto bene, è un numero, il valore è un’altra cosa. E’ una grandezza che si esprime con una relazione. Se si capisce questo concetto, si comprende benissimo che cosa è il denaro e che cos’è la valuta. Il denaro è un mezzo che mi permette di comprare altre cose, la valuta è un pezzo di carta in cui c’è scritto un numero, 50 euro o 20 dollari. Allora quanto vale la tua casa? E quanto valgono 50 euro? Valgono l’insieme di cose che ci puoi comprare.

Noi però sappiamo che 50 euro dieci anni fa corrispondevano a 100.000 lire e sappiamo che all’epoca il pieno di carburante costava 40/50 mila lire, oggi 70/90 euro. Se avessimo ancora le lire un pieno ci costerebbe 140/180 mila lire. Tornando al nostro appartamento, come si fa a calcolare le cose che ci puoi comprare?

Un buon sistema potrebbe essere questo. Prendi il prezzo della tua casa, 280.000 euro, dividilo per i punti del FTSE MIB (in questo momento 16.532) e ottieni 16,93. Ora sai quante quote del FTSE MIB vale la tua casa. Ora prendi ancora il prezzo della tua casa e dividilo per il prezzo dell’oro (in questo momento 1.208) e ottieni 231. Questo valore è quanto vale la tua casa in once d’oro. Fai la stessa cosa col petrolio (ora 87$ al barile cioè 62,5 euro).  Ottieni 4.480. Questo è il valore della tua casa in barili di petrolio.

Ora che lo sai, che ci fai con queste informazioni? Puoi fare una cosa molto interessante, puoi usare questo giochetto sostituendo i VALORI ATTUALI del FTSE MIB, del petrolio e dell’oro con in valori storici e ti accorgerai di una cosa incredibile. 

Praticamente nel corso degli anni NON AUMENTA IL VALORE DI QUASI NIENTE! Aumenta solo il prezzo.

Miracolo della moneta a corso forzoso! La carta stampata dallo Stato in enormi quantità secondo i suoi bisogni con sopra scritto un numero, vale sempre di meno. E’ vero, lo Stato ti garantisce i 50 euro che vedi scritti sulla banconota che hai in tasca, ma questo pezzo di carta compra sempre meno cose ogni giorno che passa. Bell’affare, eh?

Ora faccio un’altra domandina. Quanto varrà l’oro (che non si può stampare, fotocopiare o duplicare) fra sei-otto mesi o tra uno-tre-cinque anni? Risposta. Varrà tanto di più quanto meno varranno le banconote. In altri termini, meno cose potrai comprare con 50 euro tante di più ne comprerai con un’oncia d’oro. 

Ciascuno si faccia i suoi conti.