Foto da www.ilnavigatorecurioso.it
Foto da www.ilnavigatorecurioso.it

Anche Marte non ci vuole!

(ci tocca restare a Tenerife)

by Stefano Bisogni

La destra è morta, la sinistra è viva, la destra è viva e la sinistra è morta. Mettiamo in galera i politici e i corrotti… anzi no… per la pace sociale lasciamoli fuori perché sono un riferimento per la società… anzi, la costituzione è sacra… e pure l’Italia, la patria… tutto è sacro finché mi dà i soldi. Mandiamo i nostri prodi a combattere contro le truppe cammellate, anzi no… perché il sistema bancario è solido più che mai! Ah… ma noi siamo il partito degli onesti!! NO NO… lo siamo noi! Lo Stato ci deve dare il lavoro… ma chi paga? Lo Stato siamo noi… voi… vabbè qualcuno prima o poi pagherà il conto. Onore e gloria… ci vorrebbe che tornasse lui… sì quello là! Quello che urlava. “italiani e italiane”… Sì quello che faceva andare i treni in orario… sì… dai, come si chiama? Berlusconi? Ah… sì, il bunga bunga!!! Il confetto di interessi! No no, conflitto di interessi… Ma no!! Guarda, io sono contro tutti i conflitti del mondo… “peace”… Fratermitè, disgrazitè….Italia sì, Italia no… Abbiamo davanti la ripresa economica, ma basta con la vivisezione e con i macelli… ohhhh… no, l’agnellino no… a Pasqua adotta anche tu un agnellino che salta e gioca con la palla… Brutti cattivi i cacciatori… bisognerebbe ammazzarli come fanno quelli dell’Isis… culture aperte, perché il multiculturalismo è il futuro dei nostri figli… i figli sono il nostro futuro… o no… siamo noi, con le nostre pensioni, ad essere il futuro dei nostri figli… il papa è preoccupato per il demone denaro che corrompe la cristianità… Il monsignore nega che Carige, una banca fallita, sia una succursale dello Ior… Fratelli d’Italia, l’Italia… bzzzz… bzzzz… zzztrtttrrrrr…”—-

Il capo dei marziani si staccò dalla tastiera del computer sopravvissuto allo schianto della navicella italiana sulla superficie piena di crateri e disse: “HO LETTO FACEBOOK… INCENERITE L’ITALIA PRIMA CHE VENGANO A FAR DANNI ANCHE QUA!!!”


Dedicato a Bill Hicks