El Salto, un piccolo gruppo di case vicine a San Isidro

Foto da rutasdetenerife.blogspot.com
Foto da rutasdetenerife.blogspot.com

El Salto è un paesino situato a 3.665 metri dal centro del municipio di Granadilla de Abona, e ci si arriva attraverso la carretera TF-636. Prende il nome da una ripida scarpata di una ventina di metri nel letto del barranco del Salto, intorno alla quale si è sviluppato l’abitato.

È un piccolo “barrio” poco discosto dalla cittadina ma che continua a vivere soprattutto di attività agricole perché rappresenta una testimonianza di come poteva essere la vita a Granadilla de Abona negli ultimi trent’anni. El Salto, El Draguito, Las Palomas e Yaco, sono quattro piccole realtà abitative che si trovano qua e là salendo verso Granadilla de Abona.

Pochi metri dopo le ultime case di San Isidro, una deviazione verso destra in leggera salita conduce verso questa zona del municipio, e quando ci si arriva la prima cosa che balza in mente è la sensazione di pace.

Ci si vive in una realtà agricola che offre però servizi di primo livello.

Anche se qualcosa ovviamente manca la realtà è che El Salto, la migliore di queste quattro borgate, mostra chiaramente il progresso arrivato al sud di Tenerife grazie allo sviluppo urbanistico e turistico.

El Salto appare come una borgata piazzata nella terra di nessuno, dove l’attività principale resta ancora l’agricoltura, com’era per San Isidro prima che venisse costruito l’aeroporto.


A El Salto balzano agli occhi tutti gli orti vicino alle case, ben tenuti e ben curati perché i proprietari sono ben consci del loro valore. Anche se i giovani volgono lo sguardo alle innovazioni e alla tecnologia, e cercano di guadagnarsi la vita in altri settori al di fuori dell’agricoltura, magari andando lavorare un po’ più distante da casa, il peso della crisi ha fatto rivalutare e ripensare un ritorno al lavoro nei campi.

Qualche abitante non nasconde la sua soddisfazione per vivere qui, visto che i nuovi arrivati dimostrano il rinnovato apprezzamento a scegliere la residenza a El Salto.

La costruzione di edifici moderni che fanno colpo, è la prova provata che questo piccolo centro sta cominciando a popolarsi del tipo di famiglie che può permettersi ville unifamiliari quasi hollywoodiane, che vanno a spiccare fra le tradizionali case Canarie, con le case che andavano di moda negli anni ’60 e ’70 (al piano terra si vive e al primo piano si dorme) e con gli “adosados” degli anni ’80 e ’90.

Dei quattro nuclei abitati che troviamo posizionati fra l’abitato di San Isidro e Granadilla de Abona, El Salto e Yaco erano storicamente definiti come fattorie (caseríos), mentre El Draguito e Las Palmas sono considerati frazioni (aldeas). Oggi queste definizioni sono decisamente superate.

Negli ultimi anni si è registrata un importante crescita demografica, in particolare negli anni fra il 2005 e il 2007, quando si è più che raddoppiato il numero dei residenti, che è passato da 324 a 727, per poi toccare la punta di 767 nel censimento del 2010. Poi gli abitanti sono un po’ calati e oggi sono 750.

(dalla Redazione)