Un ricordo di stagione: FIORISCONO LE ROSE

P1270236_klMaggio e la rosa, fiore prediletto di Venere e da sempre simbolo d’amore. Maggio e la festa della mamma. Proviamo a realizzare questo bellissimo, profumato e goloso bouquet di rose per rendere omaggio alla nostra mamma, ovunque lei sia. È buonissima, con il suo interno cremoso della frangipane alle mandorle; ed è modaiola, perché finalmente, dopo anni di cake design estremo di origine anglosassone,  tornano in auge anche per le occasioni più importanti le crostate, le torte nostrane farcite di creme e panna, decorate a cornetto (una grande tradizione italiana), oppure con pasta di mandorle, fiori freschi e frutta. Lo dice in una recente intervista Roberto Rinaldini, il pluripremiato e due volte campione del mondo maestro pasticcere riminese. E io, che con il cake design ho sempre fatto a botte, sono felicissima di potergli credere.

TORTA ROSA DI MAGGIO

Per la base:

  • 200 gr di burro morbido
  • 250 gr di zucchero
  • 4 uova intere
  • 250 gr di farina 00 con 1 cucchiaino di lievito
  • Buccia di limone grattugiata, vaniglia

Montiamo a crema il burro con lo zucchero, uniamo gli aromi e le uova una alla volta, continuando a sbattere con le fruste elettriche oppure con la planetaria. Incorporiamo la farina setacciata con il lievito e mescoliamo con un cucchiaio di legno. Versiamo il composto in uno stampo a cerniera D.26 imburrato e infarinato, lasciandone da parte l’equivalente di una tazza da cappuccino circa. Aggiungiamo all’impasto lasciato da parte due cucchiai di farina e facciamo un cordone lungo il bordo della tortiera, utilizzando una sacca da pasticcere oppure un cucchiaino. Questo bordo servirà a contenere la crema frangipane. Mettiamo la tortiera in congelatore per 1 ora.

Per la crema frangipane:

  • 150 gr di mandorle in polvere (farina di mandorle)
  • 150 gr di burro morbido
  • 150 gr di zucchero
  • 150 gr di farina 00
  • 3 uova
  • Vaniglia, un pizzico di sale

Mescoliamo tutti gli ingredienti (per ultima la farina) fino ad ottenere una crema. Spalmiamo il composto sulla base ben fredda, facendo in modo che resti all’interno del cordone di impasto.


Inforniamo a 180º per 1 ora e nel frattempo prepariamo i “petali” delle nostre rose di mela. Una volta che la torta è cotta (prova stecchino!) ricordiamoci di non toglierla dalla teglia.

Per le rose e la finitura:

  • 800 gr di mele a buccia rossa
  • 300 gr di zucchero e 1 litro d’acqua per lo sciroppo
  • poca confettura di albicocche, zucchero di canna fine chiaro, zucchero a velo

imgpsh_fullsizeLaviamo le mele e tagliamole intere, molto finemente, con la mandolina, senza preoccuparci adesso di togliere i semi. Mettiamo a bollire 1 litro d’acqua con lo zucchero e sbollentiamo le fettine un po’ alla volta per un minuto, scolandole via via con una schiumarola e mettendole ad asciugare su un panno pulito (a questo punto toglieremo i semi ed eventuali parti coriacee).

Cominciamo a realizzare le rose arrotolando una fettina di mela per ottenere il bocciolo interno e poi applicando 4 o 5 petali esterni sovrapponendoli leggermente tenendo ben stretta tra pollice ed indice la base del fiore che si andrà formando. Con un coltello fare un’incisione lungo il bordo della torta e inserire la base della rosa, allargando i petali verso l’esterno. Proseguiamo in questo modo finché tutta la superficie della torta sarà ricoperta di fiori. Se vi piace, prima di inserire le rose potete spennellare il bordo esterno con confettura di albicocche appena scaldata e decorare con lamelle di mandorla.

Spennelliamo le rose con un po’ di burro fuso, spolveriamo con zucchero di canna e rimettiamo la teglia in forno a 180º per 15 minuti. Aspettiamo 10 minuti prima di sfornare e spolveriamo con zucchero a velo prima di servire.

Buona Maggiolata a tutti!

(Silvia Colombini)

Seguitemi su www.facebook.com/colombasweets