Foto di Beatrice Vitti
Foto di Beatrice Vitti

Fuoco ed acqua in un connubio di magia, dove il divertimento e la superstizione si scatenano in una delle notti più folli di tutto l’anno! Moltissimi fuochi illuminano questa notte di San Juan e l’odore della legna bruciata gira per l’aria. Tutti gli anni la notte tra il 23 e il 24 giugno si festeggia con molti rituali per attirarsi la buona energia magica. Saltare sui falò nelle spiagge o lanciarsi in mare e saltare le onde sono solo alcuni dei riti propiziatori che si consumano nelle spiagge di Puerto de la Cruz (e non solo). Si dice che lanciare nel fuoco bigliettini con scritte le cose negative le farà bruciare, mentre nell’acqua dell’oceano “affogare” i propri desideri li farà avverare. Si dice che si deve saltare 7 volte sopra ai falò per avere fortuna e salute tutto l’anno (attenti a non bruciarvi!). Se saltando sopra al fuoco lanciate una treccia fatta con nastri colorati o fiori ad una persona cara, e questa viene raccolta prima che cada a terra, porterà felicità a loro e buona fortuna. Fare il bagno nella notte di San Juan porta bene per tutto l’anno, e soprattutto salute, se si saltano 9 onde dando le spalle al mare si cancellano tutte le negatività e si aumenta la fertilità.

Foto da entrechacarasytambores.blogspot.com
Foto da entrechacarasytambores.blogspot.com

Se si vuole trovare l’amore, bisogna prima della mezzanotte accendere due candele rosse nella camera da letto. Scrivere su un foglio di carta il proprio nome e e quello della persona che si desidera attrarre. Nel caso in cui non si conosca nessuno basta mettere la sigla A. G. (anima gemella). Poi mettere a cuocere fino ad ebollizione: tre parti di achillea, tre parti di lavanda, tre parti di verbena, 12 petali di rosa rossa e un po’ di zenzero rosa. Una volta fatto questo, filtrate l’infusione e lasciate raffreddare. Poi spruzzare con la tisana la vostra camera da letto. Si può avere un sogno profetico sul tuo futuro amore. Per la fertilità della terra si deve piantare una candela che era accesa nella notte di San Juan. Poi viene la tradizione del bagno delle Capre: nella notte di veglia di San Juan i pastori e le loro greggi scendono dalle montagne fino al porto della città, molti passano la notte precedente in marcia per arrivare in tempo alla festa, accompagnati dai bravissimi cani da pastore attraversano strade e barranchi, vie trafficate e piazze cittadine per arrivare presto al Porto dove ci sarà il bagno delle capre, cavalli e asini… si inizia alle 8 della mattina del 25 giugno e si conclude alle 14.

(dalla Redazione)