Foto di Cristiano Collina
Foto di Cristiano Collina

Sono cominciati gli studi per capire le cause del crollo di Los Cristianos

L’Ayuntamiento di Arona (Tenerife) si è incaricato di condurre direttamente un’inchiesta sulle cause del crollo dell’edificio numero 12 della calle Amalia Alayón in Los Cristianos, avvenuto lo scorso 14 aprile con il risultato di sette persone morte, fra cui due nostri connazionali.

Secondo il comunicato stampa si faranno degli studi di ingegneria forense affidati a varie ditte specializzate, che useranno ultrasuoni, la tomografia elettrica, degli speciali scanner e dei droni per valutare la struttura.

Verranno presi dei campioni nel pezzo laterale della costruzione che è rimasto in piedi, questo prima di demolirlo, cosa che richiederà lo sgombero dei vari edifici collegati per ragioni di sicurezza e anche di salute, per non far respirare troppa polvere. Verranno realizzate ovviamente le analisi specifiche dei campioni del cemento e dello stato dei ferri e dell’acciaio della costruzione.

Foto di Cristiano Collina
Foto di Cristiano Collina

Nel procedimento verranno inclusi tutti i lavori d’investigazione e valutazione preliminare per permettere di conoscere lo stato dell’edificio prima del disastro. Si porterà a termine una valutazione dettagliata dello stato attuale della parte dell’edificio che non è caduta, come anche di tutti i materiali risultati dallo sgombero.

Tutto questo lavoro di ingegneria forense dovrebbe produrre un documento che andrà presentato all’Ayuntamiento di Arona entro l’estate.


Tutte le ditte che eseguiranno le analisi saranno tenute ad un’assoluta discrezionalità sui risultati ottenuti, salvo permessi espressi dell’Ayuntamiento. La raccolta di questi dati permetterà all’Ayuntamiento di conoscere le cause tecniche del sinistro, come anche ad evitare (SI SPERA!) che si ripetano in futuro fatti analoghi nel municipio.

(dalla Redazione)