Un deciso KO per il mondo della boxe e kickboxing!

Il Ministero della Cultura, Sport, Politica sociale e abitativa è sul piede di guerra contro il mondo della boxe e kickboxing nelle Canarie., attraverso il programma di servizio per la prevenzione e la protezione dei minori,

Da ieri 7 marzo vieta l’accesso dei minori ai campionati e alle esibizioni di entrambi gli sport. Inoltre, si intima di sospendere qualsiasi attività che coinvolge i minori in ogni attività connessa con questi sport.

Viene preso come riferimento, nel territorio delle isole Canarie la “Ley 1/1997, de 7 de febrero, de Atención Integral de Menores”, che, nel suo articolo 31 recita: “I minori non possono né partecipare come spettatori né praticare sport le cui regole consentano di ricevere danni fisici per i partecipanti, pur con il consenso dei genitori o dei tutori.

Siccome entrambe queste pratiche sportive sono sport di contatto fisico che presentano un sicuro pericolo per i partecipanti, vanno vietate ai minori, sia come spettatori che ancor più come sportivi praticanti.

“A volte penso che questo sia un incubo” ha dichiarato il presidente della Federazione Tinerfeña di Boxe, anche se pare che la Federazione confidi che il controverso procedimento venga revocato.