Dieta corretta, cane felice

Una corretta dieta fornisce ai nostri animali domestici un’ottima salute, uno sviluppo fisico corretto, una buona riproduzione e una longevità garantita.

Il cane, il cui nome scientifico è “Canis lupus familiaris”,  in origine era rigorosamente carnivoro, ma al giorno d’oggi ha cambiato le sue abitudini di vita diventando “onnivoro”, come l’essere umano con cui vive.

Attualmente, esiste un numero infinito di tipi di mangimi in commercio, in formati secchi o umidi, che contengono le sostanze nutritive necessarie per una corretta alimentazione. Le cose più importanti quando si sceglie uno di questi alimenti sono l’età, la razza e il fabbisogno calorico giornaliero del nostro cane.

La fase della crescita necessita di un fabbisogno proteico più elevato; carboidrati, vitamine e minerali devono essere maggiori nella fase adulta, per soddisfare le esigenze di crescita.

Nella fase adulta il cane ha bisogno di una dieta di mantenimento e, nelle razze grandi,  bisogna passare ad un cibo per “senior” verso i cinque anni, mentre nelle razze piccole si cambierà l’alimentazione dai sette anni in poi.

La terza fase, chiamata geriatrica, deve soddisfare i requisiti di mantenimento con una  bassa somministrazione di proteine per proteggere i reni del cane e bisogna aumentare la quantità di fibra per favorire la digestione e prevenire la stipsi.


Nel caso in cui una cagna sia gravida, dovrebbe mangiare una dieta per cuccioli fino alla fine dello svezzamento.

Alcuni consigli pratici:

1 scegliere sempre un cibo specifico per età, razza, dimensione, peso e attività.

2 i cambiamenti della dieta devono sempre essere graduali e progressivi per evitare disturbi gastrointestinali.

3 cercare di dividere la quantità giornaliera del cibo in due o tre somministrazioni.

4 optare se possibile per un mangime di buona qualità, con una percentuale di proteine non superiore al 25-30%.

5 evitare diete fatte in casa, perché non sono equilibrate e possono favorire la comparsa del tartaro e/o problemi digestivi. 6 evitare di dare ossa di pollo, cioccolato, prodotti lattiero-caseari, pomodori e caramelle.

 

dott. Antonio Lima Martin