boy-909552_640di Michele Zanin

L’arcipelago delle Canarie si presta a numerose attività e pescare è una di quelle che, residenti o turisti, trova sempre un nutrito seguito.

Ma per essere in regola secondo le norme vigenti sulle isole è bene sapere come comportarsi.

Innanzitutto è fondamentale precisare che si parla di pesca a scopo ricreativo e non di lucro e che quindi il pescato non deve essere soggetto a vendita.

Nell’arcipelago canario per poter pescare è richiesto il possesso della relativa licenza, un documento amministrativo per uso personale, non cedibile, che consente il diritto di esercitare l’attività ma solo se accompagnato da una carta di identità o documento ufficiale che attesti l’identità del titolare.

Le licenze di pesca ricreativa in mare sono disciplinate dall’articolo 29 all’articolo 41 del Reglamento de la Ley de Pesca de Canarias, approvato con Decreto 182/2004 del 21 di dicembre.


Le licenze per pescare hanno una validità di 3 anni dalla data del rilascio o di rinnovo e sono di tre categorie distinte:

  • 1° classe- COSTO ANNUO 30,94 euro: la licenza autorizza la pratica ricreativa dalla barca con modalità di pesca a traina, ovvero utilizzando esche artificiali e colorate che vengono trascinate durante la navigazione simulando l’attività di un piccolo pesce, utile per pescare i cosiddetti pesci predatori;
  • 2° classe-COSTO ANNUO 23,21 euro: viene autorizzata la pesca sportiva subacquea nelle acque interne all’arcipelago e nelle acque esterne dove è consentita dall’ordinanza del 28 febbraio 1988;
  • 3° classe-COSTO ANNUO 15,48 euro: consente di pescare in mare sia da terra che da barca, senza utilizzare la modalità a traina

Come ottenere la licenza?

Nel caso di Tenerife, l’ufficio deputato si trova direttamente al Cabildo a Santa Cruz de Tenerife ma vi sono distaccamenti a Guía de Isora, a Güímar, a Icod de Los Vinos, a La Laguna, a La Orotava, Los Cristianos, Tacoronte e Buenavista del Norte-El Palmar.

Occorre presentare documento di identità ufficiale in corso di validità, il giustificativo del pagamento di una tassa il cui modulo è disponibile unitamente a quello della richiesta presso l’ufficio di competenza e ottenere così il permesso, in genere immediato se si rientra nei 4 permessi rilasciati al giorno.

É possibile in alternativa presentare la propria richiesta in via elettronica al sito: sede del Gobierno Canario ma solo se si possiede un certificato digitale accettato dal Governo.