di Michele Zanin

Il Cabildo di La Palma ha deciso di investire nella realizzazione di piste ciclabili con pendenze vertiginose per gli amanti dei percorsi meno tranquilli.

Con un investimento di oltre 200.000 euro da destinare alla zona compresa tra El Roque e il Puerto de Tazacorte, il Cabildo ha proposto di adattare 18 km di diversi percorsi già esistenti, modificandone la pendenza per renderla più vertiginosa ma nel contempo più sicura.

Brivido sì, ma con sicurezza, avrebbe infatti garantito il Ministro dell’Ambiente illustrando il progetto delle nuove piste ciclabili.

Saranno previsti lungo il tratto che parte da Roque de Los Muchachos a 2.400 m sul livello del mare per arrivare al Puerto di Tazacorte una serie di percorsi paralleli suddivisi tra pedoni e ciclisti per evitare possibili collisioni e l’introduzione di deviazioni su aree di sosta per consentire una pausa alla corsa folle verso il mare.

La bizzarra iniziativa risponde alla crescente domanda di percorsi ciclabili immersi nella natura che presentino però il brivido del rischio.


Tale tendenza ha sviluppato un utilizzo irregolare di percorsi già destinati al trekking, mettendo in serio pericolo i suoi tranquilli frequentatori, sfiorati da ciclisti in discesa veloce.

Il progetto delle piste ciclabili comprenderà la realizzazione di un’adeguata segnaletica all’ingresso dei vari tracciati affinché siano chiari i fruitori dei diversi itinerari.

Quella di La Palma rappresenta un’offerta allettante che non mancherà di richiamare numerosi turisti e abitanti amanti del brivido su due ruote ma non sarà l’unica.

Il Cabildo infatti ha annunciato che quello di El Roque sarà il primo degli interventi realizzati a breve, cui faranno seguito altri percorsi concepiti con la stessa logica di far convivere il trekking a piedi con quello su bicicletta.