I quattro musei della città di La Orotava

I quattro musei della città di La Orotava – il Museo dei Tappeti, il Museo Sacro de La Concepción, il Museo Etnografico di Pinolere e il Museo dell’artigianato latino-americano, restano una delle attrazioni principali della città.

I musei sono indipendenti uno con l’altro, ma per alcune promozioni interagiscono anche fra loro.

Hanno avuto molto successo alcune manifestazioni che li vedevano interagire, come i percorsi notturni per La Orotava (Notti di Mait), le visite culturali al museo Iberoamericano combinate con il Museo storico e il Museo dei tappeti, visite con guide specializzate in materie d’arte. Inoltre, ad essi si sono integrate anche altre discipline come la musica e la narrazione.

Viene data particolare attenzione alla funzione didattica di ciascuno di loro, a volte si trasformano in aule scolastiche per lezioni proposte da tecnici specifici.

Tra le proposte c’è anche la visita al Municipio di questa bella città del nord.

Per solo tre euro si può acquistare un voucher per visitare questi 4 famosi musei.


Secondo i dati dell’Ufficio del Turismo del Comune si sono registrati circa 40.000 visitatori nel passato 2012, con un notevole aumento di turisti provenienti dai paesi dell’Est.

Il direttore del Museo Sacro de La Concepción spiega che la chiesa racconta ben 500 anni di storia.

Il direttore del Museo Iberoamericano valuta che per tutto il 2012 il museo è stato visitato da circa 4.500 persone.

Il direttore del Museo dei Tappeti, osserva che il materiale storico, i disegni e le illustrazioni permettono ai visitatori di fare un tour di passato e presente di uno dei simboli di La Orotava, la tradizione dell’arte tappeti. Per tutto il 2012 ha ricevuto circa 1.900 visitatori.

Il direttore dell’Associazione Culturale Pinolere ha elogiato il buon funzionamento del Museo Etnografico, sottolineando che le attività principali sono orientate all’ambito educativo, e quindi ci sono molte scuole che possono sfruttare i vari programmi e progetti che si svolgono durante tutto l’anno. Nel corso dell’ultimo anno, il Museo ha ricevuto più di 9100 visite.