(di Bina Bianchini)

Sono notizie che non si vorrebbero mai leggere, ma quella delle baby prostitute è una realtà sempre più diffusa e che si avvale di moderni strumenti di reclutamento come i social network.

A Gran Canaria nello scorso mese di novembre è stato scoperto un giro di prostituzione minorile dove l’età media delle vittime era di soli 15 anni.

18 Lovas è il nome dell’agenzia che selezionava le minorenni per immetterle in una ricca rete di prostituzione, utilizzando in particolare il social network Instagram per il reclutamento.

Sei persone risultano coinvolte come appartenenti all’agenzia di baby prostitute; in particolare il presunto protettore, Agustín Alemán detto Yino, organizzava festini privati in locali di prestigio per pubblicizzare l’agenzia 18 Lovas al fine di promuovere non solo servizi sessuali a pagamento ma anche un possibile guadagno derivante dalla compartecipazione alla rete.

Insieme a Yino, già in carcere, sono stati rilasciati su cauzione Eugenio Hernández León, Emilio Cabrera Trujillo, Emilio Cabrera Caballero, Domingo Hernández Tarajano e l’italiano Antonio D’Ascenzo, detto Toni el italiano.


L’inchiesta delle forze dell’ordine ha scoperto che il giro delle baby prostitute, che fruttava un ingente introito di denaro, era gestito da persone che erano assolutamente a conoscenza della giovane età delle ragazze.

Yino lavorava con un gruppo di clienti dal potere d’acquisto medio alto, ricchi esponenti della società canaria che si rivolgevano a 18 Lovas per partecipare a incontri particolari in bordelli mascherati da residenze rurali, come la finca de Ayagaures, il cui proprietario, Eugenio Hernández, faceva parte del team dei protettori.

Secondo le testimonianze delle giovani prostitute, i vicini sembravano apparentemente ignari di quello che succedeva tra le mura delle abitazioni destinate ai festini, distribuite in diversi comuni dell’isola.

Generalmente le feste organizzate da Yino cominciavano con 8 ragazze, alle quali venivano offerti 50 euro a ciascuna; una volta entrate nell’abitazione, 4 di esse venivano selezionate per appartarsi con gli adulti presenti.

Ma ora, quella girandola di festini e incontri, è giunta alla fine.