La grotta del Santo Hermano Pedro

Si tratta di una grotta-santuario in onore del frate canario Pedro, primo santo di Tenerife. Il suo nome era Pedro de San José Betancur, nato pastore di capre a Vilaflor e canonizzato da Giovanni Paolo II nel 2002, riposa nella grotta con il suo gregge.

E’ considerato uno dei pellegrinaggi più usuali e frequentati dell’isola, dopo la Vergine di Candelaria. Per andare a visitare la grotta non vi è un indirizzo esatto, ma seguendo la strada da Los Abrigos verso El Medano, proprio arrivati in corrispondenza della Montana Roja si trova un cartello che indica una strada a sinistra che dice “Cueva de Santo Hermano Pedro”, si prosegue per questa strada per circa 2 chilometri, poi ci si ferma a un piccolo parcheggio sulla sinistra, pochi metri prima del santuario.

Si apre avanti a noi un bellissimo scorcio fatto di rocce e piante e una piccola rampa che sale e si è arrivati. Il luogo è molto curato, molte piante e una stradina in sassi neri che sembra essere fatta proprio per una “via crucis” e pellegrinaggio, ci sono due differenti “stanze” ricavate dalla roccia, in una fiori, ex voti, quadri e scritte ricoprono tutte le pareti e tra gli interstizi delle pietre si notano moltissimi bigliettini piegati o accartocciati con pensieri o preghiere dei visitatori fedeli al Santo.

Nell’altra, più piccola una statua in legno dell’Hermano Pedro svetta centrale su di un piccolo altare, e questo è proprio il luogo di culto e preghiera e un’atmosfera sacrale colpisce anche chi non è proprio devoto! Nella grotta più grande vengono lasciati ogni tipo di oggetti: stampelle, ritratti, fotografie, bambole, giochi di bambini, targhe di apprezzamento per i favori o le guarigioni avvenute. Una gita bella e carica di energia positiva.