Al via la Transgrancanaria HG 2017

(di Bina Bianchini)

Reduce da un successo di partecipanti e pubblico, la Transgrancanaria HG, una delle più prestigiose gare di ultra distanza a livello internazionale, si appresta a scaldare i motori per la nuova edizione che si terrà dal 22 al 26 febbraio con un record di partecipazione.

Saranno infatti 3800 quest’anno gli atleti che si sfideranno sull’isola, rappresentando ben 70 paesi di tutto il mondo.

Il presidente del Cabildo di Gran Canaria Antonio Morales ha presentato nei giorni scorsi la Transgrancanaria HG 2017 nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta sotto al Roque Nublo, in assoluto uno dei monumenti naturali più rappresentativi dell’isola che si trova nel comune di Tejeda e che sarà uno dei luoghi interessati alla competizione.

Il presidente Morales ha sottolineato che la scorsa edizione della Transgrancanaria ha generato un introito complessivo di 6 milioni di euro dei quali 3,5 provenienti dall’impatto mediatico dell’evento e 2,5 dalle quote di iscrizione degli atleti non residenti.

Per questa nuova edizione l’istituzione insulare ha investito 130.000 euro dei quali 80.000 provenienti dal Patronato del Turismo e 30.000 dal Ministero dello Sport.


Dei 3800 iscritti, il 42% è rappresentato da atleti stranieri che correranno in una delle 6 modalità previste dalla competizione.

Molti degli atleti sono già sull’isola per procedere alla preparazione, come il caso di Timothy Olson, originario del Colorado, che ha deciso di trascorrere un mese su Gran Canaria insieme alla famiglia.

Intervistato, Olson, che aveva partecipato all’edizione di Transgrancanaria di 3 anni fa, avrebbe affermato che l’isola dell’arcipelago è senza ombra di dubbio uno dei luoghi più affascinanti dove competere, grazie ai percorsi stabiliti che consentono di vivere i contrasti propri del particolare ambiente naturale, passando dall’Oceano ai 2000 metri di altitudine per raggiungere il Roque Nublo.

Principale novità della Transgrancanaria di quest’anno sarà proprio un percorso estremo di 265 km e 16.500 metri di dislivello, durante il quale gli atleti dovranno percorrere l’isola con l’aiuto di un gps e in un tempo massimo stabilito di 101 ore.

Si ripeteranno anche per l’edizione 2017 i tracciati classici come la modalità avanzata, 82 km di percorso e uscita a Fontanales, la Maratona, 42 km fino a El Garañón, e le modalità principianti e famiglie di 30 e 17 km rispettivamente, con partenza da San Bartolomé de Tirajana e Ayaguares.

Ogni atleta straniero affronterà una spesa media di 872 euro per partecipare alla competizione e alloggiare in appartamento, pasti esclusi; un modello di comportamento piuttosto consolidato che rafforzerà l’economia dell’isola con evidenti vantaggi per il settore della ristorazione, degli svaghi, delle rivendite di attrezzature sportive e per le società di noleggio auto.

La Transgrancanaria è l’unico evento in Spagna facente parte delle undici gare del circuito mondiale di percorsi di montagna Ultra Trail World Tour e Gran Canaria, a pieno merito, è diventata il punto di riferimento in Europa per gli sport outdoor invernali.