Un grande parco pubblico nella ex cava della montagna di Taco

di Bina Bianchini

La montagna di Taco si trova nella zona al confine tra Santa Cruz de Tenerife e La Laguna, una delle zone più degradate e sfruttata per l’estrazione di materiali inerti, di circa 100.000 metri quadrati di superficie totale.

A tal proposito il Cabildo ha inserito nell’ambito del progetto DUSI il progetto di recupero dell’intera area affinché venga trasformata in un grande parco pubblico, a beneficio dei residenti della zona.

L’iniziativa, che prevede un investimento complessivo di oltre 17 milioni di euro dei quali 14,6 derivano da fondi europei, non ha ancora un progetto specifico ma include la realizzazione di aree verdi e spazi dedicati al tempo libero, da effettuarsi nei prossimi 5 anni.

La riabilitazione del paesaggio e l’integrazione del parco nell’ambiente urbano richiedono infatti molto tempo a causa non solo del degrado in cui versa attualmente la zona, ma soprattutto per il rischio frane provocato dai lavori estrattivi che hanno causato pericolose pendenze del terreno.

A completamento del progetto, il Cabildo informa che sarà prevista la costruzione di un importante anfiteatro destinato ad ospitare attività culturali, grandi eventi musicali sia sinfonici che rock nonché la destinazione di una parte della superficie interessata a una vasta area verde per le attività sportive, come piste per lo skate, percorsi per mountain bike oltre a percorsi pedonali.


La bonifica dell’area della montagna di Taco sarà il primo significativo intervento a beneficio degli oltre 75.000 cittadini che gravitano in questa zona e rappresenterà l’apripista per altre iniziative dedicate alla cittadinanza, quali un percorso tra San Matias e Taco, la ristrutturazione degli spazi archeologici del barranco del Muerto, una rete di centri comunitari di aggregazione nonché un piano specifico per il raggiungimento dell’efficienza energetica degli edifici pubblici.

A corollario dell’intervento seguirà un miglioramento degli spazi commerciali esistenti, con la previsione di un eventuale ampliamento.