Le denunce per violenza di genere, le condanne agli aggressori e i mezzi di protezione delle vittime sono aumentate nel 2016, anno che registra un maggior numero di donne maltrattate e dove le Canarie si contraddistinguono con 81 casi per ogni 10.000 donne.

Le vittime si sono decise a denunciare gli aggressori in sette casi su dieci, però diminuiscono le denunce presentate verso i familiari e nel contesto degli amici delle vittime che rappresentano l’1,44% del totale. Le chiamate inoltrate per l’intervento della polizia sono state del 17% dei casi.

In quanto al tasso di donne vittime di violenza di genere per ogni 10.000 donne, sono in cima alla media nazionale (che è di 56,6), le Baleari, con un rapporto di 93,3, le Canarie e Murcia, con 81, mentre il rapporto più basso ce l’ha La Rioja con 27,7.

Dopo questo bilancio, la presidentessa dell’Osservatorio, Ángeles Carmona, ha valorizzato l’aumento di condanne e denunce, “però soprattutto aumentano in maniera molto evidente i mezzi di protezione delle vittime, siano esse donne o figli e figlie”.

Per Carmona, “i dati allertano, tuttavia, continuano a crescere le vittime; ci sono più denunce e ci sono più donne che chiedono e ottengono ordinanze di protezione”.

“Ma ci preoccupa anche che persistano tuttavia attitudini di violenza maschilista nella nostra società, che non riesce ad essere un punto fermo perché familiari, amici e conoscenti siano immediatamente disponibili per denunciare e per accompagnare la vittima nel processo”, ha concluso.


(dalla redazione)