I furti più violenti a Tenerife Sur si sono verificati nell’anno appena trascorso.

Allarme furti a Tenerife Sur, come lamentano con preoccupazione gli imprenditori turistici, in particolare gli albergatori, che hanno rilevato una recrudescenza di rapine violente a danno dei turisti.

La maggior parte degli episodi si verifica nelle strade di Playa de Las Americas al calare della sera ma, come segnala uno degli albergatori della zona, si sono registrate incursioni all’interno delle strutture ricettive da parte di bande rumene.

Favoriti nell’ingresso delle strutture da parte di amici, le bande agiscono talvolta indisturbate nei complessi turistici a danno dei loro ignari ospiti; ma diversi sono stati gli episodi di coloro che, al rifiuto di consegnare i propri oggetti di valore, sono stati vittime di violenze.

L’aumento dei furti accompagnato da episodi di violenza ha spinto gli imprenditori a sollecitare un necessario e urgente intervento da parte delle forze dell’ordine e dei corpi di sicurezza dello Stato.

Una nota redatta dal locale delegato della Participación Ciudadana de la Comisaría Sur de Tenerife, evidenzia che ogni anno, all’apertura della stagione turistica, le zone più frequentate di Tenerife Sur sono interessate dalle sgradevoli visite di alcuni gruppi di cittadini provenienti dall’Europa dell’Est, in particolare dalla Romania.


Principali aree oggetto di queste visite indesiderate sono quelle commerciali e le spiagge nelle città di Arona e Adeje, le più interessate dal flusso turistico e dove gruppi di cittadini si sono organizzati per collaborare con le forze dell’ordine per cercare di arginare lo spiacevole fenomeno.

L’auspicio, nonostante l’evidente preoccupazione, è che si rafforzino le misure di controllo nelle aree più a rischio, al fine di scoraggiare episodi analoghi che mettono a rischio non solo la sicurezza dei visitatori ma anche l’immagine di una delle località più battute dal turismo internazionale.

dalla Redazione