Il Cabildo di Tenerife, con uno stanziamento di 600.000 euro, ha annunciato l’inizio dei lavori eseguiti da CIATF (Consejo Insular de Aguas de Tenerife) per convogliare l’acqua desalinizzata nella rete pubblica della zona di Buenavista Norte, riducendo così il livello di fluoro presente attualmente, problema, quest’ultimo, che ha portato la Direzione Generale della Sanità Pubblica del Gobierno de Canarias a limitare l’uso dell’acqua della rete pubblica nelle località di Triana, La Cuesta, Rincón e Las Canteras.

La restrizione si è resa particolarmente urgente per i bambini sotto gli 8 anni che non dovrebbero bere l’acqua del rubinetto né consumare i cibi cucinati o lavati con quest’ultima.

Ancora nel mese di marzo 2013 il comune di Buenavista sollecitò l’impianto di desalinizzazione di Buenavista Golf, che opera attualmente ad un 20% delle sue capacità.

A quasi 4 anni dalla richiesta, finalmente il Cabildo attraverso il CIATF ha deciso di utilizzare l’acqua proveniente dal deposito municipale Finca de la Fuente, attualmente inutilizzato, e di veicolarla alla rete di Buenvista Golf, che rifornirebbe di acqua desalinizzata tutta la comunità.

Con questa soluzione non solo verrà garantito l’approvvigionamento idrico per tutta la popolazione, ma sarà possibile controllare la rete di alimentazione, migliorando la qualità, ora scadente, del servizio.

Quella del fluoro in eccesso nella rete idrica pubblica è una questione che riguarda un totale di nove comuni dell’isola e da almeno 2 anni: La Laguna, El Sauzal, La Victoria, La Matanza, Santa Ursula, San Juan de la Rambla, Icod, El Tanque e Buenavista.


L’eccesso di fluoro può causare osteoporosi, osteosarcoma, malattie della tiroide e problemi alla spina dorsale; il fluoro, secondo ricerche scientifiche svolte nel corso degli ultimi anni, distrugge inoltre la flora batterica e gli enzimi naturalmente presenti nell’organismo.

L’obiettivo è portare a regime l’impianto di Buenavista Golf entro l’estate 2017, riducendo e mescolando gli attuali livelli di fluoro ed evitando disagevoli interruzioni di fornitura nei mesi più caldi.

Le operazioni sono già in corso e, avvisa il sindaco Eva Garcia, avranno una durata di 5 mesi.

(di Angelo Marchi)