Il presente decreto 113\2015 ha per oggetto la regolamentazione dei B&B che si potrà esercitare, nella propria casa di proprietà. Ci sono alcune semplici regole da seguire, dettate dal numero incessante di arrivi nel territorio Canario, cosicché il Governo ha stabilito 17 articoli con le disposizioni generali con cui portare avanti l’attività che viene considerata come una nuova tipologia di pernottamento nel settore extra alberghiero.

Si è approvata la legge 7\1995 del 6 aprile sull’ordinamento del turismo nelle Canarie dove vengono elencate le modalità di offerta nelle attività di hotel ed extrahotel realizzato con l’approvazione del decreto 142\2010 del 4 ottobre dove si approva il regolamento dell’attività turistica di alloggiamento.

Il soggetto dell’attività viene stabilito con il primo articolo della legge entrata in vigore il giorno seguente della sua pubblicazione nel Boletin Oficial de Canarias il 23 maggio 2015 mentre in quello successivo (art. 2) vengono elencate le varie modalità di B&B.

L’articolo 3 riguarda la logistica e l’ubicazione dell’edificio in accordo con la normativa urbanistica, la licenza dell’immobile e autorizzazione dell’agibilità.

Il quarto articolo prevede che il proprietario segua la legge e l’ordinamento prestabilito dal turismo della comunità autonoma e nel resto delle norme settoriali.

Il numero massimo di capienza nel B&B, secondo l’articolo 5, viene stabilito dal gestore stesso e dal numero di camere che l’edificio contiene, senza superare il numero massimo stabilito inizialmente e proibisce qualsiasi attività al di fuori dell’igiene comune e dell’ordine pubblico abituale.


Il B&B dovrà essere riconosciuto con un’insegna dove vengono elencate tutte le caratteristiche del suddetto come stabilito dal paragrafo 1 della legge stessa e soprattutto il numero di iscrizione nel Registro General Turístico della comunità autonoma delle Canarie.

L’articolo 7 pone il B&B nella posizione di accertarsi che la pubblicità o la promozione dello stesso sia chiara e dettagliata cosicché non si possa confondere con un hotel.

La sicurezza dell’attività viene regolamentata dall’articolo 8, i proprietari dell’immobile dovranno comunicare i nomi degli ospiti alla Direzione Generale della Polizia secondo la normativa vigente in materia di protezione e sicurezza.

La planimetria dell’edificio e le dimensioni minime per l’attività, secondo l’articolo 9, devono essere conformi al Decreto 117\2006 del 1 agosto.

Nell’articolo 10 vengono elencati i requisiti minimi dell’equipaggiamento che ogni camera deve avere, per poter esercitare il servizio in base al tempo che il cliente soggiorna nel B&B.

Il prezzo per ogni camera singola o doppia secondo l‘articolo 11 deve essere chiaro e leggibile a tutti i clienti e in accordo con gli articoli 7.5 e 12.4.

Gli articoli finali sono competenti al procedimento di inizio dell’attività e l’esercizio della stessa. Nell’articolo 12 il responsabile dell’attività redige un documento in inglese e spagnolo che viene consegnato al Registro Generale Turistico della Comunità Autonoma delle Canarie, come poi stabilito dagli articoli 13 e 14 vengono elencati in maniera dettagliata la ragione sociale, l’indirizzo e tutti i servizi che il B&B può offrire e la possibilità di cambiarne qualcuno durante il mandato dell’attività, sempre sotto la supervisione del Cabildo Insular e del Registro.

Per la modalità di chiusura dell’attività bisogna comunicare al Cabildo Insular corrispondente in un tempo massimo di trenta giorni prima che cessi il servizio.

a cura di Asesoría Afecoperera