Diario di un difensore dell’Ordine maggio 2017

Questo mese vorrei portare a conoscenza dei lettori un fatto a cui non è stata data molta pubblicità sui giornali locali e nazionali ma che nonostante le note tragicomiche dovrebbe far pensare e preoccupare molto.

Durante la prima settimana di aprile si è verificato l’assalto a mano armata di una piccola succursale di una banca nel municipio di Arucas in Gran Canaria.

Secondo le registrazioni una persona armata di pistola e a volto scoperto è entrato nella banca e minacciando il direttore della succursale si è fatto consegnare i soldi per poi scappare a piedi lungo le strade della frazione.

La refurtiva sottratta sembra che sia stata poco più di mille euro, un importo decisamente esiguo e che sicuramente non compensa il forte rischio che ha corso l’individuo e le conseguenze penali del suo gesto.

In molti avranno notato che per effetto della crisi e della perdita di clienti degli istituti bancari, le società hanno deciso di avvicinarsi ai propri clienti eliminando le barriere e consigliando ai dipendenti un rapporto più personale con lo scopo di fidelizzare la clientela.

Questa tendenza sicuramente da apprezzare in istituti bancari dotati di sistemi di accesso a doppia porta anti-proiettili tipica della penisola e di quasi tutti i paesi d’Europa costituisce un grande rischio per i lavoratori degli istituti bancari delle isole.


Le succursali nelle Canarie come molti avranno notato non hanno grandi sistemi di sicurezza in entrata e fino ad ora non sono state oggetto di attacchi grazie alla facilità con cui le forze dell’ordine possono rintracciare i veicoli grazie alla situazione territoriale.

Sperando che questo sia un evento isolato prodotto da una persona in stato di necessità consiglio alle persone che devono recarsi nelle banche di usare per almeno un poco di precauzione e nel caso vedano fuori dallo stabilimento alcune persone sospette è meglio comunicarlo al cassiere dando la possibilità a quest’ultimo di avvisare il personale di sicurezza e nel caso attivare il sistema di preallarme per allertare anche la guardia civile.

Meglio avvisare e scoprire che in realtà non era nulla che non farlo e trovarsi ad essere protagonisti di un assalto.