Le feste e le Romerie di Giugno

Giugno tempo di feste e di romerie  a Tenerife.

La Orotava: il 6 di giugno c’è la festa de Las Afombras (dei tappeti). Ricordiamo che l’arazzo del Municipio di La Orotava è stato tessuto nel 1905 in occasione della visita di una nave da guerra della Marina spagnola. Questa festa dichiarata di interesse turistico nazionale il 15 maggio 2007, è una manifestazione di arte religiosa effimera che risale alla metà del XIX secolo, quando nel 1847 la Famiglia Monteverde ha coperto con un grande tappeto la strada davanti alla casa padronale per onorare il passaggio del Santissimo. Da quel giorno,  gli abitanti di La Orotava hanno cominciato a coprire tutti gli anni le strade e la piazza del Comune, con tappeti fatti di petali di fiore e sabbia del Teide, in concomitanza della processione per la festa del Corpus Christi, in una delle romerie di più effetto.
Sempre a La Orotava il 9 giugno avrà luogo la festa di San Isidro: con una processione di carri adornati tirati da buoi e la popolazione vestita con gli abiti tipici e tradizionali dei contadini (Magos), i balconi della città vengono adornati con tappeti e mantelli, tutto Taoro prende parte attiva in questa festa.
Il 13 giugno, a Granadilla de Abona si festeggia Sant’Antonio da Padova.
Le feste in onore di San Antonio da Padova si iniziano a celebrare dai primi giorni del mese e continuano fino al 13 di giugno, con un programma di eventi rivolto sia ai cittadini che ai visitatori del Comune. Tra gli eventi che caratterizzano queste giornate di festa, ricordiamo il Gran Galà Elezione della Regina, la Fiera dell’Artigianato e il Festival delle Isole, ma la più grande attrazione  é il pellegrinaggio di San Antonio da Padua, una grande sfilata di carri decorati da tutti i quartieri della città, feste, gruppi folk e pellegrini.
Il 22, il 23 e il 24 giugno a Puerto de La Cruz si celebra la festa di San Giovanni o Festa del Sole.  Tutta la popolazione si riversa sulla spiaggia del Molo e su quella di Charcón, la notte tra il 21 e il 22 giugno, aspettando l’alba, cucinando e ballando. Il 22 e il 23 durante la giornata si continuano i festeggiamenti per “l’adorazione” di tutte le Fontane, simbolo di prosperità dell’acqua, che vengono addobbate con fiori e frutta.
La notte tra il 23 e il 24 ancora tutti sulla spiaggia per assistere al  famoso “bagno delle capre”, rituale che si svolge ogni anno il giorno di San Juan, in ricordo della festa in cui i Guanci celebravano l’arrivo del solstizio d’estate. I caprai offrono formaggi e latte, molti si tuffano nell’oceano e ballano tutto il giorno dell’arrivo di San Juan. La notte tra il 23 e il 24 giugno comunque in quasi tutta l’isola si usa stare nelle spiagge, dove si ha il permesso di fare fuochi per cucinare e  si balla, si canta e … spesso ci si ubriaca aspettando l’alba!
La tradizione recita che in questa notte si risvegliano le streghe, è una notte magica per le attività  della stregoneria, fuochi vengono accesi in un’atmosfera quasi da brivido.
Il 27, 28 e 29 giugno a Güímar si festeggia San Pietro. I preparativi iniziano già dal 20 giugno, e vengono poste tre grandi piume, una nella torre della chiesa, un’altra a metà del percorso della processione e l’ultima sull’eremo. La notte del 27 si porta la statua del Santo in processione fino al suo eremo. Il giorno 28 si celebrano le liturgie. Durante la notte il Santo viene riportato in processione attraverso le stesse vie adornate a festa fino alla chiesa e gli abitanti del paese bruciano ruote di carro come promessa votiva. Il giorno 29 hanno luogo diversi atti religiosi, culturali e sportivi.
A El Sauzal il 29 giugno ci saranno i festeggiamenti per la festa di San Pietro Apostolo. Serata di gala con concerti di artisti nazionali ed internazionali. Anche qui una grande festa per eleggere la Regina tra spettacoli folcloristici teatrali e musicali.