Con l’arrivo dell’estate è giunto il momento di dichiarare guerra alla cellulite, ossia il deposito di grasso che si accumula sotto la pelle e che da origine alla tipica “buccia di arancia “ nelle cosce, nei fianchi e nei glutei. Esistono determinate piante medicinali che possono venire in aiuto per combatterla. La cellulite è per molte donne una autentica maledizione, sembra quasi impossibile sradicare questo grasso che insieme ad acqua e tossine si accumulano del tessuto adiposo.

Tuttavia, adottando una serie di abitudini alimentari salutari, praticando esercizio fisico costante e assumendo piante medicinali certamente si può avere un grande aiuto per ridurre questo inestetismo. Questa alterazione del tessuto sub-cutaneo, affetta principalmente le donne per l’85-98% dei casi, e peggiora con avanzare dell’età.

La sua comparsa non sempre è relazionata con il sovrappeso, infatti si può incontrare anche in persone magre. La cellulite ha un elevato componente ereditario, il fattore genetico sembra determinante per quanto riguarda la sua apparizione.

Certamente ci sono altri fattori che favoriscono la sua apparizione, come il fattore ormonale, infatti la gravidanza, la menopausa o l’assunzione di contraccettivi o altre cure ormonali, sono situazioni dove il sistema ormonale si squilibra. La vita sedentaria, una cattiva alimentazione, il consumo di tabacco e di alcol, lo stress, eccesso di peso e la cattiva postura sono sicuramente parte della lista delle cause che aggravano questa situazione.

Piante che aiutano a migliorare la circolazione venosa e ad alleviare la pesantezza delle gambe:

Rusco (Ruscus aculeatus L.). Contiene abbondanti saponine che hanno un’azione vasocostrittrice e antiinfiammatoria. Migliora la circolazione venosa e fortifica la parete dei capillari.


Ippocastano ( Aesculus hippocastanum L.). Il suo alto contenuto in saponine, cumarine e tannino conferisce a questa pianta un’azione tonica venosa, antinfiammatoria e antiedematosa.

Vite rossa ( Vitis linifera L.). La pelle e i semi sono ricchi in procianidine che lavorano attivando la lipolisi, con azione antiinfiammatoria e  potente antiossidante.

Piante che aiutano a eliminare la ritenzione di liquidi e edemi provocati dalla cellulite:

Betulla (Betula alba L.). Contiene principalmente  flavonoidi con effetto diuretico, favorendo l’eliminazione dei liquidi.

Equiseto o coda cavallina (Equisetum arvense L.). E’ una pianta che per il suo contenuto in flavonoidi e sali minerali presenta proprietà diuretiche e depurative. Inoltre, per il suo alto contenuto in silicio, stimola la rigenerazione delle fibre di collageno, favorendo l’elasticità della pelle.

Tarassaco (Taraxacum gr.officinale). Grazie alle sue proprietà favorisce la digestione, la diuresi e la depurazione, è una pianta benefica per il fegato e la vescicola biliare.

Trucchi anticellulite che evitano la ritenzione di liquidi:

Bere almeno 1.5 – 2 litri di acqua al giorno

Evitare più di un caffè al giorno

Evitare alcolici, tabacco e bibite gassate

Non utilizzare vestiti stretti ed evitare di incrociare le gambe.

Alimentazione equilibrata:

Seguire una dieta ricca in fibre

Ridurre il consumo di sale

Controllare l’assunzione di zuccheri

Evitare alimenti ricchi in grassi

Utilizzare alimenti freschi di stagione

Attivare  la circolazione:

Terminare la doccia con getti di acqua fredda in direzione ascendente (dalla caviglia all’inguine)

Evitare ascensore e prediligere le scale

Massaggiare con un guanto di crine

Idratare la pelle

Evitare la sedentarietà:

Fare esercizio a basso/medio impatto almeno per 45 minuti al giorno (camminare, nuotare, bicicletta…)

Evitare di stare molte ore seduti o in piedi.

Dott.ssa Laura Nardi