Vivere con la celiachia, dieci consigli

Dieci consigli pratici per coloro che, affetti da celiachia, si trovano ad affrontare una quotidianità non priva di ostacoli e disagi a causa di una patologia che al momento attuale ha come unico rimedio il seguire una dieta rigorosa, priva di glutine.

In occasione della celebrazione del Día Internacional del Celiaco, l’esperto dei Laboratorios Cinfa Eduardo González Zorzano avrebbe elencato una serie di consigli per convivere con la patologia.

  1. Evitare l’autodiagnosi. Non si inizia una dieta priva di glutine senza prima aver effettuato una serie di esami medici e una biopsia intestinale che confermino la celiachia. L’unica forma di prevenzione che raccomanda il medico è quella di non inserire alimenti con grano nella dieta dei neonati fino al compimento dei 6 mesi di età.
  2. Una volta accertata la patologia, seguire una dieta sì priva di glutine ma ricca e variata che includa alimenti freschi e naturali come carne, pesce, uova, latticini, frutta, verdura, legumi e cereali come mais o riso
  3. Diffidare dei prodotti confezionati o fatti a mano che non riportino specificatamente la dicitura “privo di glutine”
  4. Imparare a leggere le etichette dei cibi acquistati, visto che il 70% di quelli confezionati contengono glutine. Tutti gli alimenti come i cereali, la farina, gli amidi modificati (E-1404, E-1410, E-1412, E-1413, E-1414, E-1420, E-1422, E1440, E-1442, E-1450), gli amidi, la fibra, gli addensanti, la semola, le proteine vegetali, il malto, l’estratto di malto, il lievito, spezie e aromi possono contenere il glutine
  5. Mantenere una corretta igiene in cucina, dove si può verificare una contaminazione crociata tra alimenti che contengono glutine e quelli che ne sono privi. Questo mette seriamente a rischio la salute dei celiaci in famiglia. Prestare quindi molta attenzione, lavare e pulire i piani di lavoro, gli utensili e conservare gli alimenti senza glutine in contenitori separati da tutti gli altri cibi
  6. Preparare i piatti senza glutine prima di tutti gli altri; cuocere ad esempio la pasta senza glutine prima di quella normale o addirittura in pentole separate, evitare di friggere i cibi senza glutine in olio già utilizzato per la preparazione di altri alimenti
  7. Mangiare al ristorante richiede un occhio di riguardo maggiore: richiedere informazioni preliminari sulle modalità di preparazione dei piatti e informare della patologia il cuoco. Il pane sarebbe bene portarselo da casa e per dessert il consiglio è quello di prediligere frutta fresca
  8. In caso di viaggio, informare in anticipo la struttura che ci ospiterà e in caso di permanenza presso amici o parenti, istruire questi ultimi sui rischi della contaminazione crociata
  9. Tra i consigli meno ribaditi vi è quello relativo ai medicinali: molti di essi contengono infatti eccipienti come glutine, farine, amidi che rappresentano un grave rischio per chi soffre di celiachia
  10. Infine, ultimo tra i consigli, rivolgersi presso un bravo nutrizionista che possa supportare in maniera professionale la gestione della quotidianità di un celiaco. A tal proposito esistono anche molte associazioni di celiaci che possono aiutare nel reperimento delle informazioni basilari.

di Bibi Zanin