Agenti della Policía Nacional all’inizio di giugno hanno proceduto all’arresto di quattro donne nigeriane fra i 23 e i 35 anni di età, due delle quali con precedenti, per un ipotizzato delitto di furto, per aver sottratto ad un turista britannico € 500 in contanti, offrendo servizi sessuali per poi successivamente rubare soldi e oggetti di valore.

Il tutto è successo verso le 4.00 di mattina all’inizio di giugno nella avenida Rafael Puig Lluvina (Playa de las Américas), quando i poliziotti sono dovuti accorrere chiamati da un gruppo di persone, dopo che alcuni turisti inglesi avevano bloccato una donna nigeriana accusandola di aver rubato € 500 dal portafoglio di uno di loro.

La collaudata tecnica che lascia poche speranze anche a quelli che dicono: a me non potrebbe mai capitare! (state a casa con le mogli che è meglio…)

Le quattro prostitute si avvicinavano ai turisti offrendo loro servizi sessuali e cominciavano a toccarli, approfittandone per portare via loro soldi e oggetti di valore che avevano addosso. Nel caso in questione, una di loro, dopo aver toccato i genitali di uno dei turisti, gli ha portato via con l’altra mano i soldi che aveva, appunto € 500,  e dopo che lui se n’è accorto ha passato rapidamente il denaro alle altre tre, che poi sono scappate di corsa lasciando la loro amica trattenuta dai turisti.

Un agente della Policía Nacional ha intravisto il gruppo delle tre “prostitute” che erano fuggite e stavano nascoste sorvegliando l’intervento della polizia, loro se ne sono accorte e han cercato di fuggire nuovamente ma sono state intercettate e, dopo aver realizzato che erano proprio le donne scappate dal luogo del delitto, si è proceduto all’arresto.

(NdR Maschietti attenzione, le STRADE sono pericolose anche qui, almeno per il portafoglio!)