Niente tatuaggi e barba per la Policia Local, il nuovo regolamento fa discutere

Entrerà in vigore a partire da oggi, 27 luglio, il nuovo regolamento della Policia Local che vieta ai tutori della legge di avere tatuaggi, barba e di bere alcolici fuori servizio.

I sindacati della Policia Local di Santa Cruz de Tenerife hanno ribadito di voler portare il nuovo Reglamento de Organización y Funcionamiento del corpo davanti ai Tribunali, dopo la sua pubblicazione ufficiale sul BOP e la sua entrata in vigore.

Il delegato sindacale del CSIF Jesús Illada ha precisato che verrà sollecitata la sospensione cautelare della normativa, ritenuta retrograda e offensiva nei riguardi dei diritti del personale in forza al corpo.

Profonda preoccupazione è stata espressa inoltre riguardo gli eventuali provvedimenti disciplinari che verranno adottati nei confronti dei cosiddetti trasgressori già a partire dalla giornata di domani.

Illada prosegue affermando con amarezza che la vera intenzione della Corporación è quella di militarizzare il più possibile il corpo di Policia Local al fine di controllarlo meglio e che alcuni punti del nuovo regolamento intendono sopprimere diritti e decisioni indipendenti degli agenti.

Di contro il rappresentante di Comisiones Obreras, Moisés Sánchez, informa che la questione non riguarda il regolamento interno bensì la legge, dal momento che esiste già una sentenza a favore di Comisiones Obreras della comunità di Madrid di pari argomento.


Un precedente che, secondo Sánchez, dovrebbe far rigettare le richieste avanzate dai sindacati e mantenere valide le nuove disposizioni in materia di tatuaggi, barba e alcolici assunti fuori servizio.

In particolare nel nuovo regolamento si vieta tassativamente agli agenti di ubriacarsi o assumere droga anche al di fuori dell’orario di lavoro, al fine di non compromettere l’immagine del corpo di Policia, visto che in precedenza potevano accadere episodi di questo tipo almeno tre volte all’anno.

Relativamente all’immagine personale, il regolamento vieta espressamente i piercing o qualsiasi altro ornamento che potrebbe risultare ostativo allo svolgimento della normale attività dell’agente, così come tatuaggi visibili che, qualora fossero presenti, dovrebbero essere opportunamente celati con gli abiti o con il trucco.

La lunghezza dei capelli non deve superare la parte inferiore del collo e per quanto riguarda barba e baffi, gli agenti che volessero mantenerli devono farne espressa richiesta ai diretti superiori che, in caso di approvazione, ne limitano la crescita fino ai 2 cm di lunghezza.

Vietate anche le tinture per capelli che compromettono il reale aspetto dell’agente.

Infine, a partire da oggi, gli agenti della Policia local dovranno effettuare il saluto militare e rivolgersi con il lei ai propri compagni.