Aeroporto El Prat di Barcellona, consigliato l’arrivo tre ore prima dell’imbarco

Molte compagnie aeree quali Ryanair e Easyjet da Pasqua 2017 stanno inviando messaggi ai propri passeggeri che partono dall’aeroporto El Prat di Barcellona, invitandoli a presentarsi con un più largo anticipo rispetto all’orario di partenza del volo per assicurarsi sufficiente tempo per raggiungere le porte di imbarco.

Il consiglio di arrivare con tre ore di anticipo rispetto alle canoniche due ore, trova giustificazione nel lungo iter di controllo imposto dalle autorità di frontiera per l’immigrazione.

Analogo messaggio è stato inviato ai passeggeri che dall’aeroporto di El Prat devono volare negli Stati Uniti, l’unica destinazione al di fuori dello spazio Schengen che opera da Barcellona il venerdì e la domenica di ogni settimana.

La stessa Vueling si è adoperata per avvisare i propri passeggeri, precisando che l’avviso riguarda anche coloro che effettueranno voli all’interno dell’area Schengen e non solo relativamente a partenze dall’aeroporto di El Prat ma anche dall’aeroporto di Amsterdam, dove la concentrazione dei viaggiatori risulta molto elevata e quindi motivo di lunghe attese.

Lo scorso aprile la nuova legge entrata in vigore per il controllo delle frontiere nell’Unione Europea ha di fatto causato un rallentamento nelle procedure di convalida dei documenti di viaggio, in particolare modo nello scalo di Barcellona.

Il segretario di Stato della Sicurezza José Antonio Nieto ha inoltre annunciato l’acquisto di 450 nuovi verificatori di passaporto da destinare ai principali aeroporti spagnoli, dei quali 40 solo allo scalo di El Prat, e il rafforzamento delle squadre degli agenti di polizia aeroportuale in numero di 50 nuovi addetti che andranno a raggiungere i 40 attualmente operativi nell’aeroporto di Barcellona.


dalla Redazione