Sappiatelo, preparatevi psicologicamente che sono tutti ricchi, quando arriverete a Tenerife e comincerete i soliti dialoghi che preludono una conoscenza un po’ più intima, e incontrerete seduti al tavolino del bar che sceglierete, la coppia marito moglie cane o marito moglie e basta, se si saranno trasferiti in pianta stabile sull’Isola, loro in Italia avranno lasciato come minimo un Castello.

Non vi sto prendendo in giro, constaterete di persona, qui accade come quando si va in vacanza e ci si vende come si vuole. Chi è onesto e non gliene può fregar di meno si spoglia per quello che è.

Coloro, invece a cui serve di apparire, e a questa categoria appartengono i più, si saranno preparati la storiella che comincia con Avevo una casetta piccolina in Canada, che si trasforma in una villona 20 stanze 4 bagni, e se noi timidamente si avanza un Mah io ne avevo due, i bagni possono anche raddoppiare, il giardino poi, pertiche di terreno, la macchina un macchinone ma come si poteva portarlo qui, l’abbiamo venduto…

Poi si continua con il lavoro. Tutti soddisfatti del proprio, che davvero rendeva soldoni, ma che si è lasciato per il famosissimo abusato deleterio stress che cominciava ad occludere le coronarie dei malcapitati.

I pensionati, per lo più, sono in eterna vacanza e se la pensione non è poi tanto alta hanno almeno la gioia di potersela godere. Tra di loro qualcuno fa lo sborrone. E’ sempre quello del Castello, quello che in Italia io io io.

I giovani lasciamoli stare, chi viene qui per lavoro se ce n’è lavora e ‘l tira in ans, chi anche in Italia voleva far le sòle le vuol fare anche qua. Ma quella è un’altra storia. Sono tutti ricchi…


Allora, all’erta mi raccomando. Guardatele bene le persone. Non fidatevi di tutti. E se vi raccontano palle fate finta di niente ma fateglielo capire che è da mò che lo sapete anche voi che gli asini non volano.

Buon Tenerife, quindi, e se proprio non potete farne ameno, e vi volete divertire, quando trovate quello che ve le spara grosse, sparatele più grosse di lui. Infondo è un grande spettacolo la vita. A voi la parte da interpretare.

di Danila Rocca