Tutti i giovani under 30 residenti nelle Canarie, con il nuovo Abono Joven potranno usufruire senza limiti di guaguas e tram al costo eccezionale di 35 euro al mese.

Il nuovo sistema, che sarà operativo a partire dal mese di settembre 2017, è stato presentato durante una conferenza stampa dal presidente del Cabildo di Tenerife Carlos Alonso, unitamente al direttore insulare dei lavori pubblici e della mobilità Miguel Becerra, al manager di Metrotenerife Andrés Muñoz de Dios, e a quello di Titsa, Jacobo Kalitovics.

Il pass personalizzato potrà essere acquistato presso i punti Titsa e Metropolitano di Tenerife, nelle tabaccherie e nei punti vendita abituali e avrà un costo di 5 euro, una tantum, ma è stato gratuito per coloro che ne hanno fatto richiesta entro il 31 di luglio, iscrivendosi al sito www.abonojoven.es.

Il Cabildo ha informato che l’adozione del pass Abono Joven presuppone uno sforzo economico pari a tre milioni di euro che dovranno essere pagati alle due imprese di trasporto aumentando la sovvenzione da 35 a 38 milioni di euro l’anno.

Il prezzo molto competitivo di Abono Joven non è la sola caratteristica positiva del nuovo sistema che, a differenza di altri settori dove è limitato agli under 26, in questo caso è stato ampliato fino ai minori di 30 anni, non escludendone l’adozione per altri gruppi da individuare come ad esempio quello dei lavoratori delle grandi aziende.

Uno degli obiettivi del nuovo sistema, sottolinea Becerra, è, oltre a favorire una categoria di cittadini, quello di incrementare la scelta dei mezzi di trasporto pubblici a discapito di quelli privati, in modo da correggere la sproporzione oggi esistente che procura un impatto significativo sul traffico e sull’ambiente urbano e extra urbano.


Lo sforzo di ridurre ulteriormente i costi si esprime nella richiesta del Consiglio allo Stato di aumentare il contributo per il trasporto terrestre prima di arrivare allo stato di paralisi totale delle strade dell’isola, soggette a grandi congestioni per l’elevato numero di auto private che vi circolano.

Al momento attuale il contributo è pari a 25 milioni di euro per tutto l’arcipelago, ma, come precisa Alonso, si può fare di più e a tutto beneficio degli utenti e dell’ambiente.

di Stefano Ferilli