Lune di miele, weekend romantici, soggiorni per ritrovare l’intimità perduta, pause per rompere la frenesia quotidiana, sono tutte occasioni per le quali il turista cerca hotel per soli adulti, dove i bambini non siano ammessi.

Nel mondo sono circa 750 gli hotel per adulti, benché ogni anno appaiano sul mercato nuove strutture o addirittura ve ne siano di tradizionali che si convertono alle nuove formule.

Esistono anche intere catene per soli adulti, come Barcelò e H10 che possiedono hotel e resort nelle isole Baleari, Canarie e Caraibiche, mete molto gettonate per chi non vuole essere assediato da urla e confusione.

La formula di base che vi si ripete è pressoché sempre la stessa: assenza di bambini, un centro termale e una SPA, un’ampia offerta gastronomica e di cocktail ma soprattutto molta privacy e relax.

Il fenomeno, iniziato nelle mete turistiche marine, si è via via ampliato fino alle alte vette di montagna, come in Germania, Inghilterra e incredibilmente in Francia, storicamente un paese molto legato al turismo familiare.

I motivi per cui si scelgono hotel per adulti non sono strettamente romantici, afferma Mario Gavira il direttore di liligo.com, uno dei portali turistici specializzati, ma talvolta rispondono a esigenze di lavoro, di relax o sono legati alla particolare ubicazione di strutture che sorgono in luoghi difficilmente accessibili soprattutto per i bambini, a causa della lontananza o dei costi necessari per arrivarci.


Anche se, ammette, la fuga romantica, anche di genitori che lasciano ai nonni i figli, è forse la situazione più ricorrente.

Del resto nelle catene specializzate come quelle presenti a Tenerife, gli hotel per adulti si presentano come luoghi dove il silenzio e la pace regnano sovrani, dove piccole attenzioni di lusso accompagnano gli ospiti nel quotidiano, che si tratti di un fine settimana o di un più lungo soggiorno, e soprattutto il clima che vi si respira è l’ideale per la coppia.

di Biancamaria Bianchini