Il coniglio al “salmorejo” è uno dei tipici piatti locali dal sapore decisamente forte e deciso.

In genere si accompagna con delle semplici patate (papas arrugadas) e del buon vino rosso del nord di Tenerife.

Non è un piatto complicato da preparare.

Allora iniziamo con gli ingredienti: 1 coniglio, una testa di aglio, olio extravergine di oliva, peperoncino rosso,  pepe, alloro, origano, rosmarino, timo, olio, aceto, vino e sale grosso.

Tagliare il coniglio in grossi pezzi, facendo attenzione a non lasciare schegge di ossa.

Mettere i pezzi di carne in una ciotola aggiungere un pugno di sale grosso e mescolare bene, nel frattempo frullare la testa di aglio con un pizzico di peperoncino, pepe, olio extravergine e un po’ d’acqua.


Quando si ha una crema frullata omogenea aggiungere ancora olio e aceto, versare il tutto sopra i pezzi di coniglio nella pirofila e lasciare che si impregnino bene.

Nel frattempo frullare le spezie in un bicchiere di vino (rosso o bianco a seconda dei gusti) fatta la miscela aggiungerla anch’essa alla carne, coprire la ciotola e lasciare il tutto in frigorifero per qualche ora che si insaporisca. Dopo qualche ora preparare una padella con dell’olio bollente e friggere i pezzi di coniglio avendo ben cura di farli rosolare in entrambe le parti, e riporli in una pirofila bassa e larga in modo che ci stiano tutti in un solo strato.

Finito questo passaggio aggiungere un po’ di olio (ahimè) fritto e il fondo della salsina che era nella ciotola, tutto sopra ai pezzi di carne e fargli prendere un “bollore” per pochi minuti.

Va servito non bollente ma semplicemente tiepido.

Accompagniamolo con delle papas arrugadas oppure con delle semplici patate bollite.

Et voilà, il piatto è pronto!

di Roberta Bertagna