Non solo sabbia vellutata, non solo un posto dove perdersi (o ritrovarsi), non solo una sfumatura di colori dal rosa, al giallo… all’arancione al tramonto… ma, per me, una delle meraviglie della Natura che quest’isola di Gran Canaria ci offre.

Sembrerebbe che un vento impetuoso del Sahara abbia voluto regalare a quest’isola un angolo di Africa.

Un patrimonio naturale di straordinario valore. Dune alte fino a dieci metri, dorate… incredibili, e così vicine alla passeggiata di Playa del Inglès, è indubbio che questa riserva naturale vi lascerà un ricordo indelebile della vostra vacanza.

Esaltante la possibilità di attraversarle sul dorso di un cammello. Si, c’è un allevamento di cammelli, in pieno stile Africano.

Mi hanno stregato, amore a prima vista.

Affondare i piedi camminando sul “picco” di una duna e lasciarsi scivolare giù, senza mai perdere l’orizzonte, visto che l’Oceano vicinissimo ci permette di ritrovare sempre l’orientamento, è un’esperienza unica.


Emozionante poter camminare in mezzo ad un piccolo deserto e potersi sedere per ammirare il panorama e meditare, ascoltando il silenzio, le carezze del vento, ascoltando le nostre sensazioni, respirando profumi sconosciuti…

Il turismo da spiaggia ai piedi delle Dune è prettamente naturista, molto rispettoso di questa naturalezza e poco rumoroso!

È molto rilassante lasciarsi andare in una spiaggia naturista, bere un “cortado” in mezzo alla sabbia in un “chiringuito”.

Meravigliosa e romantica la passeggiata notturna…

Equipaggiatevi bene di giorno, perché senza accorgervi fareste molta strada allontanandovi dalla spiaggia o dalla passeggiata. Cappello, scarpe chiuse e… acqua!!

Con il riflesso della sabbia il sole vi provocherebbe una fastidiosa scottatura.

Ci sono molte strutture alberghiere che godono del panorama delle Dune. Spenderete qualcosa in più ma ne varrebbe la pena.

Suggestive e magiche, non ci sono altre parole…

(Maria Lucrezia Pompilli)