La Guardia Civil ha recentemente arrestato quattro persone a Madrid, accusate di aver offerto false case vacanza sull’isola di Lanzarote, realizzando 15.000 euro con l’inganno.

Le case, ovviamente inesistenti, venivano promosse su pagine di affitti e di compravendita regolari per attirare i malcapitati che, una volta contattati, venivano invitati a inviare un bonifico bancario per la prenotazione e le copie dei documenti di identità delle persone interessate.

Dopo di che, a soldi depositati, il contatto dell’improbabile proprietario delle false case vacanza si perdeva nel nulla, pronto a colpire nuovamente con altra identità.

Secondo le forze dell’ordine che hanno smascherato la truffa, oltre alla pubblicazione di false pubblicità e ingannevoli immagini di presunte case, gli autori avrebbero utilizzato i dati di precedenti vittime per dare più credibilità alle trattative, spesso svolte per telefono con una donna con accento spagnolo.

Le indagini condotte sulle false pubblicità hanno portato a identificare due soggetti di 47 e 22 anni di nazionalità spagnola e due di 34 e 43 anni di nazionalità straniera, non specificata.

L’accusa è stata quella di reato continuato di frode, appartenenza a organizzazione criminale e falsificazione di documenti.


La Guardia Civil ha comunicato inoltre che la banda aveva commesso almeno 15 frodi pubblicando annunci su false case vacanza di Las Palmas, Huesca, Cadice, Barcellona, Isole Baleari, Asturie, Cantabria, Malaga e Regno Unito, quantificando un totale di 15.355 euro.

Ma, viene precisato, non si escludono ulteriori casi per i quali sono in corso indagini approfondite, visto il numero crescente di denunce fatte quasi settimanalmente presso gli uffici della Polizia delle varie isole.

Morale, se avete intenzione di affittare una casa per le vostre vacanze, affidatevi a personale qualificato e soprattutto, prima di pagare al buio, accertate l’esistenza dell’alloggio!

dalla Redazione