Vecchie auto, Madrid ne vieterà la circolazione a partire dal 2025

Brutte notizie per i possessori di autovetture un po’ datate che, a partire dal 2025, ne vedranno vietata la circolazione a Madrid.

In particolare l’Ayuntamiento di Madrid ha annunciato ufficialmente nel primo trimestre dell’anno che è intenzione dell’amministrazione proibire la circolazione nella città di tutti i veicoli più vecchi, vale a dire per quelli a benzina con immatricolazioni antecedenti all’anno 2000 e per quelli a diesel antecedenti al 2006, a partire dal 2025.

Il provvedimento si rende necessario per cercare di diminuire nelle città più trafficate del mondo l’inquinamento derivante dagli scarichi di autovetture con sistemi obsoleti e già Barcellona, a tal proposito, ha informato che vieterà la circolazione di tutti i veicoli di età superiore ai 20 anni, a partire dal 2019 ma solo nei giorni feriali.

Madrid, con una misura simile ma più a lungo termine, ha aggiunto che i veicoli proibiti non potranno parcheggiare nelle aree di parcheggio SER, Servicio de Estacionamiento Regulado, già a partire dal 2020.

Manuela Carmena, sindaco di Madrid, ha precisato che è essenziale avere tra gli obiettivi della macchina municipale quello della riduzione dell’inquinamento, sia per quanto riguarda il presente che per quanto concerne il futuro.

In quest’ottica di salvaguardia ambientale, il sindaco ha inoltre annunciato che il Plan de Calidad del Aire del Ayuntamiento de Madrid ha incluso ulteriori 30 provvedimenti tra i quali la riduzione della velocità a 70 km orari in tutta la M-30 e nelle vie di accesso a partire dal 2018 e l’aumento dei punti di ricarica delle autovetture elettriche che, precisa, sono ancora poche rispetto agli obiettivi di sostenibilità previsti.


Per facilitare il perseguimento di queste nuove disposizioni, il sindaco ha così informato dell’impegno assunto dall’Ayuntamiento per costruire nuove piste ciclabili nel centro e dissuasori per tutti gli ingressi della capitale.

La manovra include anche il settore dei trasporti, in particolare quello dei taxi che dal 2018 dovranno essere di categoria CERO o ECO e la EMT, la Empresa Municipal de Transportes de Madrid, dovrà possedere una flotta completamente a bassa emissione entro il 2020.