Canarie, inizia la distribuzione delle nuove tessere sanitarie

Il Ministro della Salute delle Isole Canarie Josè Manuel Baltar e il segretario generale del Servicio Canario de la Salud Abraham Cárdenes, hanno presentato recentemente le nuove tessere sanitarie individuali per tutti gli utenti del SCS, che verranno distribuite completamente ad oltre due milioni di persone entro ottobre 2018, data stabilita dal Ministero della Sanità spagnolo poiché il documento ha validità su territorio nazionale.

Le tessere sanitarie, che verranno consegnate agli utenti SCS nelle aree amministrative dei rispettivi centri sanitari, costituiscono il supporto principale per identificare i beneficiari e facilitare loro l’accesso ai servizi, consentendo nel contempo un’adeguata pianificazione delle risorse a seconda della domanda.

Di fatto la tessera conterrà i dati di identificazione personale ed un codice d’identificazione assegnato a ciascun cittadino, oltre a due codici stampati, un codice di sicurezza e un codice a barre con la conversione del codice CIP personale.

Verrà inoltre utilizzato un numero di riferimento del tipo CSV, Card Security Value, come quello che appare sulle carte bancarie, vale a dire un numero a sei cifre unico per ogni tessera e che appare solo fisicamente su di essa.

Il numero è una novità che serve a proteggere i proprietari e a garantire loro che abbiano sempre in possesso la carta al momento di eseguire qualsiasi operazione.

Attualmente almeno il 25% degli utenti SCS non ha una tessera sanitaria e molti posseggono un documento stampato su carta che, benché valido, genera problemi nel suo utilizzo in molte farmacie, cosa che si verifica quando l’utente si sposta in un’altra comunità autonoma.


Le tessere sanitarie canarie saranno assegnate a tutti i cittadini residenti che sono registrati in uno qualsiasi dei comuni delle Isole, mentre gli stranieri non registrati, che hanno diritto all’assistenza sanitaria in conformità con la legislazione sui diritti e le libertà degli stessi in Spagna, godranno di questo diritto attraverso una tessera di assicurazione sanitaria temporanea, individuale e non trasferibile, emessa dal servizio sanitario dell’Arcipelago.

Il documento temporaneo verrà altresì fornito a stranieri non registrati facenti parte delle categorie di minori, delle donne incinte e dei soggetti che necessitano di cure urgenti.

di Stefano Ferilli