Primo Convegno dell’Associazione A.P.I.C.E. (Ass. Pensionati e Connazionali all’Estero) a Tenerife

Il giorno 4 gennaio 2018 si è tenuto il Primo Convegno dell’Associazione A.P.I.C.E. (Associazione Pensionati e Connazionali all’Estero), organizzata dall’associazione stessa in collaborazione con questo giornale.

Abbiamo avuto l’onore di avere molti ospiti fra noi ma soprattutto una GRANDISSIMA quantità di pubblico di amici e consociati.

Come moderatore c’era il dott. Massimo Calvo che ha presentato alla platea tutti gli ospiti, l’instancabile Giuseppe Bucceri ha premiato il sindaco di Arona, il consigliere di Adeje, il dott. Giuseppe Stabile e l’avv. Michela Scafetta di Roma che sta seguendo la causa per la defiscalizzazione dei pensionati EX Inpdap, per il lavoro svolto per l’associazione e l’amicizia e la vicinanza data, soprattutto dalle istituzioni locali.

Che dire, come primo convegno organizzato nell’isola di Tenerife c’è stata veramente una grande partecipazione di pubblico, interessato e con mille domande e chiarimenti.

Un grande ringraziamento va all’Alcalde di Arona, Don José Julián Mena che ci ha messo a disposizione la sala presso il Centro Cultural di Los Cristianos e che ha tenuto un bel discorso di amicizia nei confronti della comunità italiana sull’isola.

Il dott. Giuseppe Stabile, rappresentante del CGIE per la Spagna e Portogallo ci ha messo a conoscenza dei programmi/proposte da lui portati avanti all’interno CGIE per gli italiani che risiedono all’estero.


Bella giornata che si è conclusa con una trentina di persone che hanno cenato assieme.

Ringrazio veramente tutti, i partecipanti e i relatori, ma l’abbraccio più forte va (non siate gelosi) al nostro “piccolo GRANDE uomo: Giuseppe Bucceri!

che ci scrive:

Cari Amici,

Ritorniamo su un argomento più volte sottolineato sia attraverso le nostre pagine Facebook, “Pensionati Uniti all’Estero” e “A.P.I.C.E. Associazione Pensionati e Connazionali all’Estero”, ma anche attraverso nostri interventi sui Media ed in Convegni pubblici.

Vogliamo in special modo sottolineare che il trasferimento in Spagna (e quindi nell’Arcipelago Canario) presenta obblighi che spesso i Connazionali dimenticano o sottovalutano. Questo avviene spesso anche a causa di ingannevoli programmi televisivi e di presentazioni strumentali da parte d’imbonitori di vario genere che mirano esclusivamente ad “ingrassare“ i loro affari, violando le più elementari regole della correttezza e della trasparenza nell’informazione che viene fornita.

Addirittura scandalosi certi costi che vengono richiesti sia per servizi di carattere burocratico che di tipo immobiliare.

Ricordiamo a tutti, ma ci rivolgiamo più specificamente ai pensionati INPS, che chi si trasferisce in Spagna deve presentare una documentazione prodotta in Italia, richiedere in Spagna i primi documenti (Empadronamiento, NIE…), presentarsi dopo 183 giorni di residenza presso l’Agenzia delle Entrate spagnola (Hacienda) e richiedere la residenza fiscale.

Questo essenziale documento consente, a chi ne ha diritto, di ottenere la defiscalizzazione della pensione e presentare la denuncia dei redditi presso il sistema fiscale spagnolo. Molte persone che si sono rivolte a noi, avevano creduto di non dover presentare alcuna denuncia, ma si sono ritrovati poi con pesanti multe da pagare al fisco.

Un’attenzione particolare per la copertura sanitaria attraverso l’ottenimento del Mod. S1 presso la propria ASL, spesso con presentazione preventiva dell’iscrizione A.I.R.E.

Attenzione quindi alle false pubblicità o alle informazioni superficiali e frettolose. L’Associazione A.P.I.C.E. per la sua lunga e riconosciuta esperienza, può darvi un consiglio o indirizzarvi presso consulenti affidabili e seri.

I nostri uffici sono a GRAN CANARIA – Centro Commerciale RONDA – San Fernando (Maspalomas ): dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10.00 / 13.00 e dalle 16.00 / 18.00; ed a TENERIFE- presso Patronato ENAS – Centro Commerciale VALDES – Los Cristianos: il Venerdì dalle 10.30 / 12.30.

Potete telefonare al +34 682 67 85 84 o scrivere una email a: [email protected]

Infine la Quota Associativa è di Euro 20,00 ANNUI, con rinnovo libero.

Vi aspettiamo.

Giuseppe Bucceri

Presidente