Dal Bollettino Informativo della Situazione Turistica

Dal bollettino informativo della situazione turistica delle isole Canarie emerge quanto segue: più della metà dei turisti che vengono sull’isola alloggia nei comuni di Adeje (31,5%, in aumento del 1,7% rispetto all’anno precedente) e Arona Los Cristianos (-0,7%, leggerissima flessione).

Al contrario, a Puerto de La Cruz e La Orotava è arrivato solo il 15,4% dei turisti, con un calo del 7,7% rispetto all’anno precedente.

Questa diminuzione è ancora maggiore nell’area metropolitana, che stando ai dati forniti dal Bollettino ha perso il 14,6% dei turisti ,dal momento che di tutti i visitatori dell’isola si è alloggiato in quest’area solamente l’1,3%.

TIPO DI ALLOGGIO

Per quanto riguarda il tipo di alloggio, nel 2011 aumenta l’utilizzo di appartamenti e residence, oltre all’ospitalità in case private.


Il settore alberghiero perde il 6,7%, in particolare le quattro e tre stelle, mentre aumentano i turisti che soggiornano in alberghi a cinque stelle.

L’ospitalità in case private raggiunge la quota del 12,7%.

Lo studio pubblicato nel Bollettino mostra che la spesa media dei visitatori aumenta del 5,7% e si attesta ad una media di 71,3 euro a persona al giorno, uno dei più alti negli ultimi anni.

I più “spendaccioni”

I turisti dei paesi nordici, insieme con la Svizzera, l’Austria e in particolare i russi, spendono mediamente 18-22 euro al giorno in più rispetto a tutti gli altri turisti.

I più “taccagni”

Sono i turisti britannici e gli italiani, che mantengono livelli di spesa più bassi, tanto per il viaggio che per la permanenza.

Tuttavia gli irlandesi e gli spagnoli, pur spendendo meno di viaggio, spendono maggiormente “in loco”.

La spesa maggiore sull’isola è comunque per la ristorazione, è in aumento dell’8% e assorbe il 31,6% del costo della vacanza.