Il Ministero della Politica Territoriale ha di recente implementato un’operazione speciale a La Gomera con l’obiettivo di rimuovere rifiuti e insediamenti illegali in aree protette della costa di Valle Gran Rey; l’intervento, che ha comportato lo sfratto di un centinaio di persone, è stato condotto in conformità con la pianificazione del lavoro di monitoraggio e manutenzione delle aree naturali protette dell’isola.

Tra i compiti degli operatori coinvolti vi sono stati il rilevamento di insediamenti illegali, i cui abitanti sono stati sottoposti a procedura di sfratto, in zone come Playa del Inglés e il Charco del Cieno, quest’ultimo sito di grande interesse scientifico.

Il Ministero Regionale della Politica Territoriale ha quindi provveduto a rafforzare la sorveglianza in queste zone sensibili con la collaborazione dei membri dell’Unità Ambientale del Cabildo, impegnati in operazioni di pulizia e rimozione delle strutture illegali presenti, oltre che di sfratto degli occupanti le aree protette.

L’istituzione insulare ha ricordato quindi che è stata data priorità alla conservazione e alla garanzia di sicurezza di questi spazi, il cui mantenimento è parte delle responsabilità del Cabildo che, a sua volta, ha provveduto a coordinare tutte le azioni che si sono rese necessarie con il resto delle pubbliche amministrazioni, al fine di ottenere risultati immediati e soddisfacenti.

Redazione