GIOCHIAMO BENE A GOLF

Ben tornati, spero tutto bene, ma prima di passare a darvi degli aiuti utili alla vostra crescita golfistica, permettetemi di passare subito alle inenarrabili giornate di golf a Muirfield in Scozia per l’Open Championship, il Major più vecchio del circuito internazionale.

Cosa dire, lì non solo devi essere un campione ma devi conoscere veramente tutti i segreti per poter far rotolare una palla da golf, e sì, parlo di rotolo perché il vento di Muirfield non è cosa da poco, ed allora parliamone:

Vento contrario:

scegliere un bastone con poco loft, diciamo, per esempio, se siete a distanza di ferro 9, potreste prendere un 7 o addirittura un 6, cercando di colpire la palla non a piena velocità, riducendo quindi anche il backspin, far lavorare i bastoni per voi, quindi prendete un bastone molto abbondante per la distanza da fare e fate un mezzo swing, usando al minimo i polsi, che tendono a far volare comunque alta la palla, la palla deve partire dolcemente, bassa e vedrete che rimarrà bassa, facendovi fare, con un po’ di allenamento, la distanza desiderata… Per ottenere tutto ciò a volte basta posizionare la palla un po’ più arretrata davanti al corpo, oppure tenere il peso del corpo più a sinistra.

Vento a favore:

ci regala qualche metro in più. Il grosso problema sta nei colpi al green, infatti il vento a favore ha la tendenza a diminuire il backspin di un colpo, rendendo quindi difficile fermare la palla sul green. Meglio a volte giocare a correre, se possibile, o comunque prevedendo il rotolo della palla dopo l’impatto sul green. Se ciò non è possibile, allora cercate di rimediare al poco backspin aumentando l’altezza di volo della palla, stando però attenti anche alla distanza che, alzando il volo di palla, potrebbe aumentare grazie al vento a favore.


Takeaway

parliamo di una parte del backswing, il takeaway, in questo movimento il bastone viene spostato all’indietro in linea retta, basso sul terreno, per 10 cm circa.

Le sensazioni che dovete provare sono quella che testa del bastone, shaft, mano, braccio e spalla sinistra si muovano all’unisono.

Quando il bastone è a livello dei fianchi si è a mezzo swing, parte in cui le spalle hanno compiuto una rotazione di 45 gradi, questo insieme ad un allineamento corretto favorirà un colpo dritto e solido.

Potete anche controllare da soli se il vostro takeaway è corretto, il bordo anteriore della testa del bastone deve essere ad angolo retto rispetto alle spalle, il numero di nocche visibili sul retro della mano sinistra deve essere uguale a quelle visibili nel set up, mentre se le spalle hanno ruotato più delle mani, la testa del bastone si trova interna portando ad un colpo errato.

Lo spostamento del peso, nello swing, è una parte fondamentale per ottenere un buon colpo, pensiamo ad esempio ad un lancio di una palla da baseball.

Portando indietro il braccio per caricare la forza portiamo indietro anche il peso, quando invece lanciamo la palla oltre a spostare il braccio in avanti spostiamo il peso anche verso il bersaglio, lo stesso vale nel golf.

Backswing,

Nella seconda metà del backswing, si continua la rotazione del corpo fino a quando la spalla sinistra arriva sotto il mento, portando così le spalle ad una rotazione di quasi 90 gradi, il peso in questo momento è spostato sulla parte destra, praticamente il 75% del peso sul piede destro. (ovviamente inutile dirvi di non eccedere per chi non ha questa flessibilità nella rotazione delle spalle, altrimenti danneggiamo la schiena). Mantenete costante la flessione delle ginocchia in modo da tenere il peso sul piede destro.

Downswing.

E’ importante iniziare il downswing con la parte bassa del corpo, le gambe, è dalle gambe infatti che parte la potenza accumulata durante il backswing.

In questa fase è importante il rilascio dei polsi, mentre il bastone scende verso il basso, il braccio sinistro rimane teso guidando l’arco dello swing, quando anche il destro si raddrizza la velocità generata aumenta, mentre i piedi rimangono fermi sul terreno migliorando la stabilità del colpo.

All’apice del backswing, i polsi sono piegati, in questo punto si registra il massimo caricamento, che comincia all’altezza dei fianchi, il braccio sinistro dovrebbe rimanere disteso, lo shaft dovrebbe essere parallelo alla linea palla bersaglio, leggermente rivolto verso sinistra.

Nel movimento verso il basso, i polsi tenderanno a scaricarsi, assieme al movimento del braccio destro e del sinistro, che si distendono generando velocità nello swing, riversando quindi tutta la forza sulla palla.

Finish

Questa posizione è il risultato finale di quello che siete stati in grado di fare prima.

Il Finish è una parte molto importante dello swing. Perché dal finish siete in grado di percepire come si è mosso il vostro corpo, rimanete per due tre secondi fermi al finish mantenendo l’equilibrio, se avete rispettato la sequenza dei movimenti o se invece vi siete buttati sulla pallina.

Fate attenzione in campo pratica a quanti giocatori completano il movimento e rimangono in equilibrio. scommetto che sono quelli che giocano meglio…

Lo so cosa state pensando, non è ovvio!

Semplice, loro lo fanno voi no???

Cominciate a pretendere di chiudere il colpo con il bastone dietro la schiena e cercate di rimanere in posizione almeno per il tempo in cui la pallina sta in volo.

Difficile? Per forza forse non siete abituati, ma con un po’ di pazienza vedrete che riuscirete e vi accorgerete quanto questa posizione vi permette di capire la forma dello swing che avete appena fatto.

Penso che siate stanchi di leggere, come fare, cosa fare… bene andate a giocare, ma ricordatevi sempre:

la routine:

Allineamento della faccia del bastone al bersaglio

Impugnatura del ferro, grip

Posizione del corpo nei confronti della palla

Allineamento del corpo al bersaglio

Postura corretta

Eseguire il movimento partendo dal takeaway.

Ciao a presto

Cosimo Delfino