L’avvento di internet è indubbiamente il fenomeno del secolo; chiunque oggi naviga sul web e utilizza la rete per gli scopi più diversi, come ad esempio la gestione di un blog, vero e proprio fenomeno di tendenza che, sommato alla possibilità di racimolare qualche introito inserendo nelle proprie pagine dei banner pubblicitari, si è diffuso a macchia d’olio.

Ma il pericolo è dietro l’angolo, soprattutto per coloro che, poco inclini alla fantasia e alla scrittura, infarciscono il proprio blog personale con articoli presi sul web da altri siti, magari senza nemmeno prendersi il disturbo di riscriverli e di modificarli.Il copia e incolla, come si suol dire, è particolarmente allettante ma altrettanto rischioso ed è sanzionato dall’Autorità Garante per le Comunicazioni, la AgCom, che si basa su una specifica normativa autorizzata dal Parlamento italiano, vale a dire il Regolamento anti pirateria digitale.

Violare un copyright, che sia di un testo, di un’immagine o di un video, non è un reato che può passare impunito, anche grazie alla facilità con cui il titolare dei diritti d’autore può richiedere un risarcimento o fare in modo che quanto prelevato ingiustamente venga oscurato sulla pagina di chi ha commesso il furto.

Non è necessario infatti rivolgersi ad un avvocato, presentare denuncia, intentare una causa e attendere con pazienza i lunghi tempi della giustizia, così come non è richiesto alcun esborso di denaro; il titolare dei diritti d’autore può semplicemente segnalare ufficialmente il furto compilando comodamente un modulo on line presente sul sito della AgCom.

In questo modo il Garante per le Comunicazioni attiverà un’istruttoria per verificare quanto accaduto, entro tre giorni dalla quale potrà procedere con l’obbligo della rimozione del materiale sottratto da parte del reo oppure con l’oscuramento del sito o del blog che contengono quel materiale.Il procedimento vale anche se il sito o il blog in questione hanno sede all’estero e colui che ha utilizzato impropriamente testi, foto o video avrà tempo da 12 a 35 giorni per far sparire quanto sottratto.

Se questo quindi avviene volontariamente e per buona pace tra i due soggetti, non si rischierà alcuna sanzione o oscuramento.Quindi attenzione a quello che scaricate e pubblicate sui vostri blog o sui vostri siti, ricordando che, benché talvolta non appaia la dicitura di copyright e Riproduzione Riservata, siete comunque passibili di sanzione.Il diritto d’autore, per chi non lo sapesse, nasce automaticamente con la creazione dell’opera, senza necessariamente una iscrizione alla Siae o una dicitura specifica.