Turisti alle Canarie sempre più coccolati grazie all’iniziativa di Thomas Cook

A partire dalla prossima stagione turistica, coloro che si troveranno in uno dei numerosi hotel delle Canarie appartenenti al circuito di Thomas Cook, avranno l’opportunità di aggiudicarsi la propria sdraio o lettino a bordo piscina, evitandosi così lo stress della ricerca del posto preferito da cui godere sole, relax e tranquillità.

Alle Canarie il turista è un vero e proprio capitale da salvaguardare e coccolare, anche nei minimi dettagli come quello della ricerca di un lettino nella piscina dell’hotel.

Thomas Cook, uno dei più importanti tour operator turistici in Europa, ben interpretando l’esigenza dei turisti la cui peculiare preoccupazione, dopo la colazione, pare essere quella di accaparrarsi il cosiddetto posto al sole, ha deciso di lanciare il nuovo prodotto Elige tu amaca favorito, al costo di 25 euro a settimana.

Questo permetterà a molte famiglie di prenotare in anticipo sdraio o lettino a bordo acqua delle piscine degli hotel dove alloggeranno, scegliendo addirittura la postazione dalla mappa fornita da Thomas Cook, che generalmente confeziona pacchetti che includono alloggio, pasti, biglietti aerei e trasporti navetta.

Il sistema, già sperimentato in tre hotel che operano con il tour operator britannico a Gran Canaria, Lanzarote e Fuerteventura, verrà esteso a ulteriori 30 hotel nel corso dell’estate 2018.


Ovviamente, precisa Thomas Cook, solo una parte dei lettini a disposizione verrà prenotata, lasciando la rimanente a coloro che non hanno usufruito del nuovo servizio.

Thomas Cook, che ha chiuso il 2017 con un fatturato di 3.630 milioni di euro e che serve per la maggioranza turisti che scelgono come meta la Spagna, con la sua nuova proposta di prenotazione sdraio o lettino, prevede un ritorno pari a 15.000 euro al mese per gli hotel delle Canarie che fanno parte dei suoi pacchetti.

La fattibilità della proposta, sottolinea Chris Mottershead direttore di Thomas Cook UK, è basata semplicemente sull’acquisto di 4 lettini, sdraio o amache per hotel, in modo da ampliare il parco sedute a disposizione.

La caccia al lettino, precisa, non solo è fonte di stress per il turista, ma spesso è motivo di una feroce competizione con corse e urla già alle prime ore dell’alba, prima ancora dell’apertura della sala colazioni negli hotel.

Oltre quindi a porre fine a situazioni imbarazzanti e ad una eccessiva dose di adrenalina, Thomas Cook è convinto che il progetto pilota possa trovare grande consenso non solo tra i turisti, ma anche tra gli albergatori, costretti spesso ad affrontare vere e proprie diatribe per il possesso di una sdraio o di un lettino.

di Ilaria Vitali