La vera storia dietro le microalghe maleodoranti che hanno invaso le Isole Canarie

I cianobatteri non sono il risultato di scariche tossiche. Gli scienziati dicono che non ci sono prove che siano tossici per gli esseri umani, ma le autorità consigliano di evitare di fare il bagno in loro presenza

L’invasione di microalghe che l’anno scorso ha colpito la costa delle Canarie non ha solo destato grande preoccupazione tra i politici, i bagnanti e gli scienziati, ma ha portato a congetture di ogni tipo sulla loro origine e sui loro effetti sugli esseri umani. Si è ipotizzato fossero il risultato di uno scarico incontrollato di acque reflue e causassero addirittura il cancro.

Alcune ipotesi comprensibili dato l’aspetto ostile del Cyanobacterium Trichodesmium erythraeum, alcune microalghe brutte e pestilenti che la stampa regionale ha descritto come “disgustose”. 

Ma dopo due mesi di lamentele, avvertenze sulla salute, la strana teoria del complotto è più che una bufala virale. Uno studio scientifico presentato questa settimana ha certificato la loro vera origine. Le microalghe si sono formate nell’oceano a causa di condizioni climatiche eccezionali, anche se ancora non esiste una certezza assoluta sui loro effetti sull’essere umano.

Il governo delle Canarie ha già negato qualsiasi rapporto tra la proliferazione di microalghe e rifiuti tossici. Una nuova ricerca intrapresa è supportata dalla solidità scientifica dei suoi autori: gli esperti dell’Istituto di Oceanografia e del Cambiamento globale (IOCAG) presso l’Università di Las Palmas Gran Canaria e l’Istituto per la ricerca e per lo sviluppo (IRD) della Francia. Portavoce del team che ha redatto il rapporto è Javier Aristegui, uno dei cinque spagnoli selezionati tra di esperti per elaborare il nuovo rapporto sui cambiamenti climatici. 

Questo è ciò che è noto fino ad ora sui cianobatteri:


Non sono il risultato di fuoriuscite tossiche

I cianobatteri che si sono formati nell’oceano suggeriscono che lo scarico delle acque reflue nel litorale ha stimolato lo sviluppo di microalghe. Secondo gli scienziati, la formazione di cianobatteri è coerente con il modo in cui si sono comportate sia le temperature dell’acqua oceanica che le correnti oceaniche. Inoltre, hanno raggiunto la costa delle Canarie in una fase di morte cellulare irreversibile, il che significa che non sono stati alimentati da una fuoriuscita. Infine, ritengono che gli scarichi di acque reflue non siano ancora stati scientificamente dimostrati a favore dell’aspetto delle microalghe.

Come sono apparsi?

Secondo gli scienziati, l’aspetto dei cianobatteri è legato a condizioni eccezionali risultanti da un raro cocktail meteorologico legato a El Niño. In particolare, i ricercatori alludono a temperature dell’acqua di mare di uno o due gradi sopra la media in estate. Se l’acqua supera i 23 gradi, viene innescata l’attività di questi cianobatteri. Gli altri ingredienti del cocktail sono diverse settimane senza alisei – qualcosa che non accade frequentemente – e molte condizioni climatiche calde con polvere sahariana.

Sono dannosi per l’essere umano?

Il buon senso invita a non fare il bagno tra queste alghe, anche se gli scienziati non hanno ancora trovato prove per dimostrare i loro effetti tossici sugli esseri umani. 

Le autorità sanitarie delle Canarie hanno raccomandato di non fare il bagno sulle spiagge con grandi accumuli di microalghe. Il team di scienziati ha riconosciuto che non sono in grado di determinare gli effetti dei cianobatteri nell’uomo. Tuttavia, l’analisi di fine giugno da parte della Banca spagnola di alghe ha scoperto che potrebbero produrre, ad alte concentrazioni, “irritazione della mucosa con conseguente prurito, e in coloro che hanno un problema respiratorio umano, l’esposizione può provocare asma”. 

Dopo il trambusto causato dalla perdita del documento, che ha affermato che nei topi l’esposizione prolungata “può causare tumori del fegato primari,” Emilio Soler, tassonomista esperto della Banca spagnola di alghe, ha confermato che non v’è ancora alcuna prova che le microalghe influenzino l’essere umano in modo dannoso o tossico o cancerogeno.

Sono un episodio isolato?

Non è la prima volta che i cianobatteri invadono le Isole Canarie. Nel 2004 ci fu una grande fioritura di microalghe a Lanzarote e Fuerteventura, e nel 2011, a Telde e nel sud di Gran Canaria. La comunità scientifica ritiene che il riscaldamento globale farà sì che questo fenomeno, che si verifica anche in altre parti del mondo, diventi più frequente.

Danila Rocca