La cauzione, consigli e suggerimenti per l’inquilino

Sono molti i lettori che chiedono consigli in merito alla FIANZA, ovvero la cauzione, circa i contratti di locazione alloggi, soprattutto quando il proprietario o l’intermediario immobiliare si rifiuta di restituirla o di dedurne una parte.

Di seguito alcune note fondamentali affinché l’inquilino conosca quali siano i suoi diritti e doveri:

  1. la cauzione è regolata dall’art.36 della Ley de Arrendamientos Urbanos che stabilisce che la stessa, in caso di locazione di alloggio, corrisponde ad una mensilità dell’affitto. Ambo le parti possono liberamente concordare diversamente ma in ogni caso il proprietario dell’alloggio non può costringere l’inquilino a sottoscrivere un contratto che preveda che la cauzione sia superiore ad una mensilità del canone di affitto;
  2. quando l’inquilino è una persona straniera che non parla lo spagnolo, il contratto di locazione deve essere tradotto da traduttore ufficiale nella lingua del primo soggetto, diversamente il consenso dato risulterebbe nullo, dal momento che colui che ha firmato non ha potuto comprendere il testo del contratto;
  3. la cauzione non può sostituire una mensilità dell’affitto, poiché deve essere impiegata in caso di eventuali danni causati dall’inquilino;
  4. in molte occasioni il proprietario dell’alloggio si rifiuta di restituire la cauzione, sostenendo che deve affrontare spese quali il ritinteggio delle pareti, l’acquisto di nuovi materassi o di nuovi mobili che risulterebbero scomparsi e motivazioni similari che però non corrispondono alla realtà. Il proprietario non può pretendere di rinnovare il proprio appartamento a spese dell’inquilino, visto che è suo dovere provvedere all’utilizzo logico degli arredi e delle forniture dell’alloggio. Si consiglia pertanto agli inquilini di richiedere un inventario da inserire nel contratto di locazione e, se possibile, di aggiungere anche delle foto dello stato in cui si trova la casa al momento dell’inizio della locazione. Ulteriore fondamentale consiglio è quello per l’inquilino di verificare, prima di sottoscrivere il contratto, il buono stato di elettrodomestici e mobili oltre allo stato dei muri dipinti; per gli appartamenti dedicati al grande flusso stagionale e che hanno diversi anni alle spalle, la verifica complessiva è importante. Essenziale è che l’inquilino verifichi altresì il livello di pulizia dell’immobile visto che in molti casi il proprietario indica che l’appartamento è in perfetto stato, salvo poi pretendere, a risoluzione del contratto, di trattenere la cauzione per eseguire pulizie mai eseguite prima. La casa deve necessariamente essere restituita nelle stesse condizioni in cui la si ha affittata ed il proprietario può pretendere che venga riconsegnata pulita ma non di far pagare un determinato importo all’inquilino per spese a quest’ultimo non imputabili;
  5. il momento della restituzione della cauzione è stabilito dall’art.36.4, ovvero alla fine del periodo di locazione, così come la maturazione dell’interesse legale sulla stessa se trascorso un mese dalla restituzione delle chiavi. Occorre prestare particolare attenzione quando il locatore stipula un contratto inserendo delle clausole che prevedano la restituzione della cauzione dopo un mese dalla fine del contratto, con la motivazione di verificare lo stato e il buon funzionamento dell’alloggio. Molte volte l’appartamento viene riaffittato subito dopo essere stato lasciato dal precedente inquilino, che si potrebbe così ritrovare a rispondere di eventuali danni da lui non provocati. Nel caso in cui ambo le parti abbiano concordato che la cauzione venga restituita dopo un mese, è consigliabile che l’inquilino richieda al proprietario un documento che attesti il reale stato in cui si trova la casa. In caso contrario l’inquilino si troverebbe senza alcuna tutela poiché non in grado di dimostrare lo stato in cui ha lasciato l’alloggio. Analogamente la legge stabilisce che, dopo un mese senza che il proprietario abbia restituito la cauzione, l’inquilino possa esigere un interesse sulla somma depositata, per ogni giorno trascorso. In ogni caso si ribadisce che il momento esatto e legale per restituire la cauzione è alla fine del contratto di locazione.

Alexander Reinstaedtler

Emalex Abogados y Asesores

Puerto de la Cruz