Una serie televisiva sulla gastronomia canaria

El chef viajero

I prodotti agroalimentari delle Isole Canarie e lo chef catalano Albert Adrià, con una stella Michelin per il suo ristorante Enigma (Barcellona), sono stati i protagonisti dell’ultimo capitolo di ‘El chef viajero’, una serie di documentari televisivi, progettati dal governo delle Canarie per promuovere le produzioni dell’Arcipelago, riconoscere il lavoro di uomini e donne del settore primario e promuovere la gastronomia delle isole come attrazione turistica.

La Palma ha recentemente ospitato le riprese di questo episodio, che conclude il tour di tutte le isole con chef di fama internazionale – Martin Berasategui, Pepe Rodriguez, Paolo Casagrande, Diego Guerrero, Susi Diaz, Paco Perez, Angel Leon ed Erlantz Gorostiza – per scoprire e mostrare l’unicità e la qualità dei prodotti delle Canarie e le loro molteplici possibilità culinarie.

Il Presidente, Fernando Clavijo, ha sottolineato questa iniziativa “come un’esperienza unica che ha permesso di consolidare l’idea lanciata due anni e mezzo fa a La Geria in un tavolo con i rappresentanti del settore primario e del turismo sotto l’egida di ‘Crecer Juntos’, che ha permesso non solo di progredire nella diversificazione delle Canarie, ma anche nella sostenibilità, nel recupero del paesaggio e nella creazione di posti di lavoro”.

Fernando Clavijo ha voluto ricordare che dall’attuazione di questa alleanza tra il settore primario e il turismo, c’è stato un aumento del 7% nel consumo di prodotti di origine animale; un aumento del 25% del consumo di formaggi locali e dell’8% del consumo di vini delle Isole Canarie, ed è stato molto importante che chef del calibro di Albert Adrià ed Erlantz Gorostiza fungessero da esponenti dei prodotti e della gastronomia delle Canarie anche al di fuori delle isole.

Albert Adrià, da parte sua, ha detto che il lavoro dello chef dà loro l’opportunità di viaggiare e conoscere il mondo, e permette anche di capire quanto sia importante la gastronomia per far conoscere un paese, una città, una regione, un’isola o una cultura.

In questo senso, ritiene che il programma “El chef viajero” abbia fatto un lavoro “molto serio e dignitoso”, per le immagini che ha visto, e ha affermato che nei suoi dieci capitoli tutte le persone che lavorano nel “meraviglioso” mondo della gastronomia saranno viste in modo “molto evidente”.


Durante la registrazione dell’ultimo capitolo di “El chef viajero”, il team di registrazione ha visitato le piantagioni di banane – uno dei paesaggi agricoli più caratteristici dell’isola – ma anche vigneti, cantine, allevamenti e caseifici per conoscere in prima persona questa coltura tradizionale e come si producono vino e formaggio, oltre alla tradizione dolciaria dell’isola, l’importanza storica della coltivazione della canna da zucchero – attualmente utilizzata quasi unicamente per la produzione di rum – e la produzione artigianale di mojos e birre.

dalla Redazione