Dopo che il governo regionale ha individuato spedizioni illegali di frutta, in particolare ananas, in porti e aeroporti di Lanzarote, Fuerteventura e La Palma, le Isole Canarie chiedono allo Stato maggiori controlli alle frontiere.

Il ministro dell’Agricoltura, dell’allevamento, della pesca e delle risorse idriche del governo delle Canarie, Narvay Quintero, ha insistito sulla necessità che lo Stato migliori le risorse umane e materiali disponibili per i posti d’ispezione frontalieri nei porti e negli aeroporti delle isole.

“Abbiamo nuovamente ricevuto reclami da parte di produttori locali, ospiti di hotel e consumatori che sostengono che ci sono diversi tipi di frutta, in particolare ananas, che provengono da fuori delle isole nei canali di commercializzazione.

Inoltre, Quintero ha ricordato che questo problema è una delle questioni “usuali” che fanno parte dell’ordine del giorno del suo dipartimento di Madrid e che “non è sufficiente, perché è inefficace, il controllo delle merci in partenza dalla penisola”.

La Giunta regionale ha spiegato che insieme al Parlamento hanno chiesto che l’Amministrazione statale adotti misure urgenti per migliorare questi controlli a fronte “non solo dell’ingresso illegale di frutta, ma anche di nuovi parassiti e di piante o specie invasive che mettono a repentaglio la biodiversità”.

Il ministro ha ricordato che il governo delle Canarie sta intensificando i controlli non solo sui grossisti, ma anche sui ristoranti, sugli alberghi e sui negozi al dettaglio.


Dal marzo 1987 nell’arcipelago delle Canarie sono vietate le importazioni di frutti tropicali e di altri prodotti vegetali.

Redazione