Credere che un asino voli

Ci sarà chi, ignorando l’andamento demografico della questione, riterrà che non sia un grosso problema e, di conseguenza, lo scenario gli sembrerà tanto impossibile quanto inverosimile, tipico di chi credendo di aver visto volare un asino, crede che un asino sappia volare.

Alcuni, strateghi elettorali di questo o quel partito, sminuiranno il ruolo che gli italiani possono giocare alle elezioni comunali del prossimo anno.

Altri no.

C’è chi, consapevole che la cosa merita tutta l’attenzione, la vede in altro modo – soprattutto, naturalmente, nei comuni turistici, dove ci sono candidati e squadre preparate alla campagna elettorale che ci pensano.

Alcuni non escludono di aggiungere un paio di italiani alle loro liste.

Altri inseriranno nei loro programmi elettorali eventi specifici destinati a loro.


C’è anche chi considera la possibilità che gli italiani si organizzino e competano con un proprio partito.

Non vinceranno le elezioni, ma se questa volta si prendono la briga di votare, possono dare o togliere qualche consigliere a quelli abituali o possono cominciare ad inserirsi in qualche municipio (NdR già avvenuto in passato con qualche inglese.)…

Il numero di italiani che vivono sulle isole è quasi il doppio di quello di appena dieci anni fa, oggi pari a 45.405 anime – questo il 1° gennaio, e in questi cinque mesi il numero ha continuato a crescere a un ritmo elevato.

Può un partito ignorare le preferenze di 50.000 residenti che, questa volta, possono essere incoraggiati ad andare a votare, e ha senso preparare questa campagna elettorale senza cercare di conquistare la simpatia dei 25.000 italiani che lavorano nel sud dell’isola?

Gli strateghi che minimizzano il fattore italiano sono distratti o semplicemente fingono disinteresse per nascondere le loro carte…

In termini elettorali, l’italianizzazione dei comuni meridionali è passata da scherzi ad ipotesi e da ipotesi a scenari da affrontare.

Cosa succede se questa volta si voterà alle elezioni comunali, se gli italiani organizzano un partito in alcuni comuni?

Coloro che lo trovano impossibile si sbagliano, credono che un asino voli.

Liberamente tradotto da un articolo di Jaime Pérez Llombet