Hanno ammazzato i negozietti, chi sarà mai stato?

La finanza e gli speculatori? Di chi è la colpa? Gary North prova a rispondere…

Negli anni ’60 il Governo Federale degli U.S.A. iniziò un vasto programma di demolizione dei quartieri più vecchi, che sconvolse i residenti, molti dei quali furono costretti a trasferirsi. Quando i vincoli del budget federale hanno in seguito ostacolato il completamento dei progetti di ristrutturazione del centro, alcune città erano bloccate da buchi nel terreno, o dai resti sparsi di edifici demoliti.

Nel frattempo, nei sobborghi venivano costruiti giganteschi centri commerciali, più vicini ai quartieri più ricchi della comunità. Il parcheggio, sempre un problema per le imprese del centro, era disponibile in questi centri commerciali/residenziali. Le imprese del centro non potevano più competere così efficacemente con i dollari della classe media. Le attività familiari delle città interne, i banchi di pegno, le taverne, le librerie ed i teatri pornografici ed i negozi discount che vendevano prodotti di bassa qualità, iniziarono a rilevare i negozi vuoti che erano stati liberati dalle attività che si erano trasferite nei centri commerciali, o che erano andate in bancarotta perché non si erano mosse.

I consigli comunali hanno tentato di reagire. Spesero denaro per la costruzione dei centri commerciali in centro, ristrutturando gli edifici in rovina che un tempo erano stati l’orgoglio della città. Hanno istituito strutture di trasporto urbano a basso costo, come gli autobus, che avrebbero dovuto portare molti clienti nelle aree del centro. Hanno costruito delle panchine dove le persone possono sedersi e divertirsi guardando i pedoni. Nella maggior parte dei casi, queste tattiche fallirono.

Il maggior successo di questi esperimenti è stato segnato dall’imprenditoria privata, quando professionisti come architetti o avvocati, le cui aziende non dipendono in larga misura dal traffico “walk-in” (a passeggio), hanno acquistato o affittato uno spazio abbandonato, trasformando questo spazio in edifici per uffici. Ma i negozi al dettaglio che si rivolgono alla classe media e alla classe superiore non sono tornati, nonostante le operazioni di lifting facciale dei restauratori.

I “Distruttori”


Di chi è stata la colpa? Chi ha ucciso le imprese del centro? Gli urbanisti originali, che hanno trascurato di costruire uno spazio sufficiente per parcheggiare? Gli speculatori immobiliari, che hanno investito miliardi di dollari in centri commerciali in tutto il paese? Henry Ford, che ha creato l’iniziale domanda di mercato per le automobili che trasportavano gli americani nelle periferie? I progettisti ed i costruttori di case di proprietà, che hanno messo a disposizione abitazioni di classe media a una generazione di acquirenti del dopoguerra? Qualcuno deve essere stato dichiarato colpevole di concorrenza sleale. Qualcuno ha usato la tattica della competizione spietata. Chi sarà il colpevole?

La risposta dovrebbe essere ovvia. Lo hanno fatto i consumatori che hanno deciso che preferivano vivere in periferia, in case con tre camere da letto, in stile ranch. Decisero di apprezzare la mobilità offerta loro dall’automobile, piuttosto che i mezzi pubblici e gli autobus a traffico limitato. Volevano la comodità di guidare in un luogo e camminare attraverso enormi edifici climatizzati che ospitavano centinaia di negozi al dettaglio. Si sono stancati di camminare nel caldo, o nella pioggia, o nel freddo dell’inverno, per andare e tornare dai negozi al dettaglio. Decisero che il parcheggio “gratuito” in uno spazio ampio era preferibile al pagare uno spazio nei parcheggi affollati del centro, o preoccuparsi di mettere una moneta in un parchimetro ogni ora. (In realtà pagano il parcheggio quando fanno i loro acquisti nei negozi dei centri commerciali, dato che i proprietari dei negozi pagano la quota dei costi di parcheggio nelle loro tariffe mensili ed i consumatori mettono i fondi a disposizione dei proprietari del negozio quando fanno acquisti, ma pochi acquirenti spendono molto tempo a pensare ai costi nascosti del parcheggio gratuito, pensano che il parcheggio del centro commerciale sia gratuito, lo spazio del centro chiaramente non è libero e questa chiarezza fa la differenza nelle decisioni degli acquirenti).

Possiamo incolpare i costruttori del centro commerciale per la difficile situazione dei negozi del centro solo incolpando gli imprenditori per aver reso disponibili nuove opportunità per i consumatori. I costruttori ed i creditori hanno preso dei rischi. Credevano che i loro centri commerciali sarebbero stati redditizi perché i consumatori avrebbero goduto dei vantaggi dello shopping nelle zone suburbane. Potrebbero avere sbagliato. Se così fosse, i primi centri commerciali avrebbero perso le loro fortune e pochi nuovi sarebbero stati costruiti. Ma i centri commerciali hanno fatto fortuna e i progetti sono stati imitati da imprenditori che volevano offrire opportunità simili ai consumatori nelle loro regioni.

Mauro Gargaglione