Candelaria riduce drasticamente la disoccupazione

Candelaria, più di 29.100 abitanti, riduce la disoccupazione portando all’11,89% il tasso dei disoccupati, una percentuale ottenuta in precedenza solo nel periodo prima della crisi economica.

Il risultato, frutto per lo più di quasi 7 milioni di euro investiti in piani a favore dello sviluppo di impiego, colloca Candelaria tra i primi 5 comuni di Tenerife con meno disoccupati in assoluto, una classifica che vede Adeje in cima con un tasso di disoccupazione pari all’8%.

Il sindaco di Candelaria Mari Brito, sottolinea che è stato compiuto uno sforzo importante in termini di promozione di politiche attive di occupazione, tanto che la Agencia de Empleo y Desarollo Local ha gestito progetti, azioni e programmi di formazione grazie a un investimento pari a oltre 6.800.000 euro a partire dal 2015, in collaborazione con il Servicio Canario de Empleo.

Migliorare le qualifiche professionali, ha sottolineato il sindaco, e l’assunzione di disoccupati sono stati i due focus prioritari per l’amministrazione comunale, perseguendo i quali sono stati sviluppati progetti sperimentali, corsi di formazione per l’occupazione (FPE), programmi di orientamento professionale per l’impiego e il lavoro autonomo rivolti ai giovani, senza dimenticare i progetti di lavoro e i programmi straordinari rivolti al settore dei disoccupati di lunga data.

Tutte queste azioni per contrastare il fenomeno della disoccupazione sono completate, sottolinea il sindaco, dal lancio della Escuela Virtual de Formación con la quale si offrono più di 107 corsi gratuiti e del Portal de Empleo, portale che consente a persone disoccupate di registrarsi e avere accesso a tutte le offerte di impiego gestite dalla Agencia de Desarollo Local.

Una politica dinamica e propositiva, quella del sindaco Brito, che ha contribuito a fare di Candelaria una città con un tasso di disoccupazione simile a quello registrato nel 2009, prima della crisi economica.